6 novembre 2007

La legge non è uguale per tutti

di ultras taranto.

L'Osservatorio ha deciso e il Prefetto di Potenza ha avallato la decisione che i tifosi rossoblu non avrebbero potuto seguire la loro squadra al Viviani di Potenza.
La spiegazione è tutta in poche, deliranti, righe di uno scarno comunicato che indicava di fantomatici scontri passati tra le due tifoserie. La solidarietà dei tifosi potentini non si è fatta attendere. Ma questa è solo una partita di terza serie che trova enfasi, forse, solo a livello locale. Noi non siamo napoletani e nemmeno romanisti ai quali è concesso essere presenti al S. Siro in gare "rischio 4". Noi siamo terza serie, periferia dell'impero. Le briciole della tavola imbandita. Noi non abbiamo "tifosi illustri" che perorano la nostra causa. Siamo 4 sfigati.Però manteniamo alta la parola ultras. Perchè a decidere la libera circolazione di cittadini liberi devono essere burocrati che nulla hanno a che vedere con tutto ciò che ruota attorno al pallone. E' vero che parliamo "solo" di pallone ma è altrettanto vero che questa deriva viene da lontano. E per questo (ennesimo) sopruso il Taranto Sport non ha trovato due minuti di tempo nemmeno per scrivere due righe di solidarietà per i suoi tifosi. Questioni di stile, dice qualcuno.
ricordiamo le ultime di potenza
Si parte per Potenza rievocando le ultime due volte, la vittoria dello scorso anno in campionato e quella di Coppa Italia di quest'anno.
Si riparte, all'arrivo a Potenza ci accolgono le forze dell'ordine, tante forse troppe visto che con i potentini c'è grande rispetto. Entrati nel settore la curva si va riempiendo, siamo meno dello scorso anno, sicuramente ha inciso la giornata festiva, alla fine saremo qualcosa più di 400 unità. Si sente un gran caldo e per preparare la voce si scandiscono cori contro i soliti noti.
Partono due cori uno per Angelo e l'altro in memoria di Tommy!!

SUGLI SPALTI: i potentini si presentano compatti nella loro curva, ci sono tutti i gruppi storici del tifo lucano, apprezzabile lo stile - dichiaratamente di matrice destrorsa - belle le sciarpate e alcuni cori sono molto forti, scarsi nel numero ma con una squadra partita con altri obbiettivi lo scoramento deve aver avuto la meglio.
Abbiamo notato una presenza di tifosi (probabilmente) del Rionero tifoseria amica dei potentini, presenti con lo striscione VECCHI TEMPI.
Noi come già detto giungiamo in 400, si canta per gli interi 90 minuti, in alcuni momenti i nostri cori infiammano lo stadio, la cui conformazione si presta ai cori secchi e decisi, notevoli ed apprezzabili le nostre sciarpate e i cori a favore del mondo ultras. Potenza è una bella trasferta che, presa un pò a scampagnata, ci riserva sempre belle emozioni: l'anno scorso SERGI, quest'anno DEFLORIO, ma il risultato è lo stesso uno a zero e sabato stacchiamo definitivamente il biglietto per i play off.

Il ritorno a casa sarà tranquillo, si pensa già a come organizzarsi per le semifinali.

ULTRAS LIBERI
NOI NON MOLLIAMO MAI!!!