23 novembre 2007

COMUNICATO SCIOGLIMENTO ULTRAS ANCONA

Il gruppo Ultras Ancona comunica il proprio scioglimento.
Questa decisione è frutto di una lunga riflessione, giunta ora a termine nella maniera più dolorosa, ma sicuramente più coerente come la linea portata avanti finora dal nostro gruppo.
Dopo i fatti di Catania dello scorso febbraio, avevamo capito che purtroppo il mondo ultras, per come lo abbiamo sempre vissuto, quel mondo ultras in cui abbiamo sempre creduto,
non sarebbe più potuto essere lo stesso. Ma non ci siamo arresi, abbiamo disertato, abbiamo organizzato manifestazioni, iniziative di ogni tipo con la speranza, oggi sempre più utopistica, che quelle leggi anti-costituzionali e degne dei peggiori regimi sarebbero potute cambiare.
Con l’inizio del nuovo campionato, nonostante problemi interni legati al gruppo, dovuti anche al fatto che la quasi totalità dei suoi componenti è diffidata e al fatto che ci riconosciamo sempre meno in questo schifo di calcio moderno, abbiamo provato a resistere e dato vita ad altre numerose iniziative per mobilitare i tifosi e le coscienze a non piegarsi alla repressione e a non accettare ogni divieto ed ogni legge liberticida pur di vedere una partita di calcio, anche se è risultato vano.

Ci sciogliamo, ma siamo fieri dei sacrifici fatti, dei nostri 4 anni di vita ultras.
Siamo nati da una costola del mitico Collettivo, cercando di portare avanti i suoi stessi valori ed ideali, senza cercare di sostituirlo. Siamo orgogliosi di aver tenenuto alti i colori biancorossi, di aver rappresentato la nostra città in ogni stadio d’Italia anche nei tempi più bui della retrocessione dalla serie A, del fallimento e della serie C2, fino al ritorno alla C1 senza mai scendere a compromessi;
ci sciogliamo altrettanto fieri di quanto fatto per combattere sempre ogni forma di razzismo e repressione fuori e dentro gli stadi.

Concludiamo ringraziando tutti coloro che in questi anni hanno creduto in noi e ci hanno supportato.
Salutiamo gli amici di Napoli, Cosenza, Genoa, Spal e Montevarchi con i quali abbiamo passato momenti indimenticabili in molte occasioni, nonchè gli ultras di Teramo con i quali abbiamo condiviso momenti importanti di lotta contro il Decreto Amato, uniti solo dalla mentalità ultras.

Il nostro ultimo saluto e ricordo va a VINCE’:
un ultras vero ed un amico che non è più con noi ma che vive per sempre nei nostri cuori.

Muoiono gli Ultras Ancona, ma non muoiono i nostri ideali.
Ancona nel cuore.