26 ottobre 2017

Il comunicato del gruppo dei Viking Juve sulla vicenda Anna Frank

Quanto successo in occasione di Lazio-Cagliari in Curva Sud ha acceso ancora una volta i riflettori sul mondo ultras. Sui tifosi le critiche negli ultimi giorni sono cadute piovose da tutte le parti. A volte giuste, a volte strumentali atte a colpire un mondo ritenuto spesso al di fuori della società civile. Come sottolineato dal comunicato emesso dal gruppo dei Viking Juve.
Questo il comunicato dei Viking Juve:
Non ci scandalizziamo di quanto successo in merito agli adesivi degli Ultras laziali in curva Sud. Con questo comunicato teniamo a evidenziare ancora una volta la diversa considerazione che viene fatta dai mass media nei confronti degli Ultras, soprattutto sul modo di tifare e di essere goliardici negli sfottò. A volte forse con un eccesso di black humor, che dovrebbe però essere contestualizzato esclusivamente come un puro campanilismo calcistico! Niente di più!
Nel nostro caso non abbiamo visto lo stesso clamore mediatico in occasione della presenza di bandiere del Liverpool in tutte le curve italiane, o di adesivi recanti la scritta -39, o di cori contro i nostri morti. Tutto ciò fa sicuramente meno notizia rispetto a una prima pagina in cui si può etichettare una tifoseria: come fascista per un inno d’Italia cantato con la mano sul cuore, o razzista quando a un giocatore NON africano si dedica un “buuu” per un gesto antisportivo, o “discriminatrice territoriale” per un coro contro i napoletani, o addirittura antisemita per una 20ina di adesivi che circolano da anni in ambedue le tifoserie romane!
Siamo consapevoli del fatto che, oggi come oggi, fare il giornalista non è più una professione fatta con passione, volta alla ricerca della verità senza pregiudizi, ma portata avanti solo dal desiderio di far carriera.
Ricordiamo anche che nessun minuto di silenzio o lettura strappalacrime è stata fatta quando, per mano delle forze dell’ordine, venne assassinato Gabriele Sandri con un colpo di pistola in un autogrill ad Arezzo.
Nessuna iniziativa è mai stata fatta prima del calcio d’inizio di una partita per gli Ultras attivi nel sociale. Tra i primi a intervenire concretamente durante i terremoti recenti in Abruzzo/Lazio/Marche ed Emilia, o durante le alluvioni in Toscana e Liguria. O quando vengono raccolti migliaia di € per beneficenza o per le cure di un piccolo tifoso malato.
NOI ULTRAS NON SIAMO E NON VOGLIAMO ESSERE IL PRETESTO DA UTILIZZARE PER DISTOGLIERE GLI ITALIANI DAI VERI PROBLEMI DI QUESTA NAZIONE! SCRIVETE DELLA GENTE CHE NON ARRIVA A FINE MESE, DI CHI VIVE IN UN CONTAINER, DEGLI ITALIANI CHE SI VEDONO SFRATTARE PER DARE LA CASA AGLI ULTIMI ARRIVATI! A NOI LASCIATECI PERDERE!
Il direttivo

Comunicato Vecchio Stile Giulianova

 


Comunicato Curva Nord Vecchie Maniere Pescara

 


Comunicato Curva D’ Avalos Vasto

 


25 ottobre 2017

Perugia, comunicato Gruppi della Nord

A fronte del comunicato farneticante firmato dal presidente dell' A.C. Perugia, in merito ai fatti della contestazione di sabato sera, ci vediamo costretti a ribattere le accuse che ci vengono mosse. Parlare di comportamento violento o di aggressione è totalmente fuori luogo. Ciò che è avvenuto è nient’altro che una pesante contestazione, più che legittima e motivata a nostro avviso, dopo tutto il supporto e il calore dimostrato dalla Curva anche in questo difficile periodo e agli appelli d’impegno e determinazione rimasti inascoltati. Nessuno all’interno del pullman e fuori è stato oggetto di aggressione personale se non verbale, né è rimasto in qualche modo ferito, pertanto strumentalizzare un vetro rotto e qualche fumogeno è veramente un colpo basso e vile. Se ''Violenta'' viene considerata una contestazione, “violento” e offensivo è anche il presidente, che a più riprese in queste settimane si è espresso su quotidiani e televisioni locali con dichiarazioni finte e accomodanti, facendosi beffa di tutto il popolo biancorosso... ''violenza'' sono anche le prestazioni dei giocatori cosiddetti “professionisti” a discapito di tutti quei tifosi, che in nome della sola passione, spendono soldi, tempo e fanno sacrifici al seguito di una squadra indegna. Questo comunicato è il triste tentativo, da parte del presidente, di creare una frizione tra i tifosi biancorossi, di creare una spaccatura prima che questi si coalizzino, oltre che contro giocatori e allenatori, anche contro la società e la dirigenza tutta. Purtroppo questa strada non funziona, il popolo del Grifo, i Gruppi Ultras e la Tifoseria Perugina tutta domani sera sarà COME SEMPRE, al fianco del Perugia e sosterranno la maglia UNITI... Al di là del risultato, categoria, giocatori, allenatore e presidente!!!
PERUGIA SIAMO NOI... VOI, SIETE SOLO DI PASSAGGIO!!!!
I Gruppi della Nord

Comunicato Curva Nord Avezzano