3 marzo 2003

Ultras Inside - La Voce degli Ultras! - Anno 3 - Numero 3


Mensile anno III nr 3 - Marzo 2003
Sembra che con l'avvicinarsi di nuove leggi speciali, gli Ultras abbiano cercato un punto d'incontro; purtroppo non appogiato da tutti; troppi rancori e ruggini ci dividono
ragazzi, stiamo tutti nella stessa barca...non facciamola affondare!




articoli tratti dal sito  www.ultrasportal.com
Questa rubrica non vuole fomentare violenza di nessun genere. Non faremo commenti e ci limiteremo a pubblicare le notizie più eclatanti successe nel mese precedente l'uscita del bollettino; Combattiamo la violenza negli stadi...salvaguardiamo il Movimento Ultras!
 

Appello del questore per Vicenza-Verona
venerdì 4 aprile 2003   
 
VICENZA - Un appello ai tifosi veronesi, affinché si organizzino in modo da arrivare a Vicenza per il derby di sabato con mezzi propri o in pullman è stato lanciato stasera dal questore del capoluogo berico, Giuseppe Caruso. "Fino alle 6.13 del mattino di domenica, infatti - ha sottolineato il Questore - non vi sono treni utilizzabili dai tifosi, essendosi rivelata impraticabile anche la soluzione ipotizzata di attivare un treno commerciale dedicato". (gu.te.)  
 
Inghilterra-Turchia: 35 arrestati e 3 feriti
giovedì 3 aprile 2003   
 
MILANO - Novantacinque arrestati, tutti inglesi, e 3 feriti di cui due agenti di polizia: è questo il bilancio definitivo degli incidenti prima della partita di ieri fra Inghilterra e Turchia. Lo ha reso noto Sue Nicholson, portavoce della polizia del Northumbria. Le condizioni dei tre feriti non sono gravi. (s.v.) 
 
Bologna-Roma: tifoso in coma, agente prosciolto
mercoledì 2 aprile 2003  
 
BOLOGNA – "Non luogo a procedere perché il fatto non sussiste". Così si è pronunciato il tribunale di Bologna nei confronti dell'assistente di polizia M. L., per il quale la Procura del capoluogo emiliano aveva chiesto il rinvio a giudizio dopo l’incidente in cui rimase vittima Alessandro Spoletini, tifoso romanista. L'11 febbraio del 2001 Spletini precipitò dalla scale dello stadio Dall'Ara prima dell'incontro Bologna-Roma, battendo la testa e riportando un grave trauma cranico che lo tenne in coma per 39 giorni. A renderlo noto è stato il legale del poliziotto, Pierluigi Leo, dopo l' udienza preliminare, sottolineando che ora è dimostrata la caduta "del tutto accidentale" di Spoletini. (g.d.s.) 

Ecc. campana: incidenti, ferito allenatore Baronia
mercoledì 2 aprile 2003  
 
Gravi incidenti sono scoppiati durante la partita La Baronia-Portici (Eccellenza, girone A) giocata a Formicola. Al gol della squadra di casa, realizzato al 20' del secondo tempo, i tifosi del Portici, dopo avere infranto i servizi igienici dei bagni, hanno cominciato un lancio di pezzi di ceramica e oggetti in campo. Uno di essi ha forato il tetto protettivo in vetroresina della panchina ed ha colpito alla testa l'allenatore della Baronia Luigi di Baia. Il tecnico è stato trasportato all' ospedale di Caserta, dove gli sono stati applicati quattro punti di sutura. La partita è stata sospesa per alcuni minuti, mentre carabinieri e polizia fronteggiavano il centinaio di tifosi del Portici, poi è ripresa e si è conclusa con il risultato finale di 1 a 0

Patteggia pena tifoso Benevento arrestato
martedì 1 aprile 2003  


 
Ha patteggiato la pena a tre mesi di reclusione ed è stato scarcerato il tifoso campano - G.R., 18 anni, di Montesarchio (Benevento) - arrestato domenica scorsa dalla polizia durante l'intervallo della gara di C1/B tra Lanciano e Benevento. Il giovane era accusato di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale e lancio di oggetti pericolosi. Reale, giudicato con rito direttissimo, è comparso stamani davanti al giudice unico del Tribunale di Lanciano, Francesco Marino: quest'ultimo, dopo avere convalidato l'arresto e accolto la richiesta di patteggiamento, ha disposto la scarcerazione dell'imputato.
Arrestato tifoso Ancona
lunedì 31 marzo 2003  
 
ANCONA - E' stato arrestato ieri sera un sottufficiale della Capitaneria di porto di Ancona per aver infranto il divieto di ingresso allo stadio impostogli per due anni dal questore dopo gli incidenti di Ancona-Cagliari del 28 aprile 2002. Ieri A. A., 35 anni, era andato ugualmente a vedere la partita della squadra di casa con la Salernitana, non entrando allo stadio "Del Conero" ma sistemandosi su una collinetta vicina alle gradinate. Durante una piccola scaramuccia con i sostenitori della squadra campana, il sottufficiale ha anche sferrato un calcio a un tifoso rivale (che però non ha sporto ancora denuncia nei suoi confronti), dandosi poi alla fuga. In serata, visionando i filmati girati dalla polizia scientifica, gli agenti della Digos lo hanno riconosciuto e, grazie al nuovo decreto anti-violenza, che consente l'arresto non più solo in flagranza di reato ma nell' arco delle 36 ore, rintracciato e fermato. Domani mattina il processo.
 
Arrestati 12 ultras della Lazio
sabato 29 marzo 2003  
 
ROMA - Dodici ultras della Lazio sono stati arrestati dalla Digos di Roma per gli incidenti avvenuti allo stadio Olimpico il 31 agosto 2002 dopo la partita di pre-campionato
Lazio-Juventus. Otto sono stati portati in carcere, quattro sono agli arresti domiciliari. Secondo l'accusa parteciparono al raid negli uffici del Coni, nella zona della curva nord, che vennero dati alle fiamme. Si scontrarono con le forze dell'ordine in servizio nello stadio e incendiarono anche un'automobile dei vigili urbani. Dovranno rispondere di devastazione e saccheggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, incendio doloso e adunata sediziosa.
 

 

 
 Comunicato Fedayn Napoli
giovedì 3 aprile 2003  
 
I Fedayn Napoli in riferimento alla manifestazione ultras organizzata dagli Irriducibili Lazio venerdi 4 aprile comunicano quanto segue:
Noi a livello di gruppo e quindi non facendoci portavoce della nostra totale tifoseria, non prenderemo parte a tale manifestazione anche precedentemente avevamo dato la nostra adesione.Non stiamo qui a dare le molte motivazioni che ci hanno spinto a cambiare idea, ma la poca trasparenza della manifestazione ci hanno spinto a disertare cio che se fatto in buona fede,potrebbe anche tornare utile al movimento ultras.Non vogliamo fare polemica, ma ci schieremo sempre contro chi cerca di rovinare il movimento ultras.
Fedayn Napoli 1979
Estranei alla massa

Comunicato Ufficiale Resistenza Ultras Ternana
venerdì 4 aprile 2003  
 
Tutto il fermento che oggi attraversa l’intero mondo ultras non ci trova assolutamente sorpresi visto che è da due anni che con l’organizzazione del raduno antirazzista di Vigne di Narni e con la nascita del fronte di resistenza ultras abbiamo iniziato una battaglia al calcio moderno e con esso alla repressione, alla omologazione ed alla globalizzazione economica. Una battaglia che soprattutto all’inizio ha suscitato più ilarità che attenzione, più critiche che consensi. Attacchi generalizzati da più parti tanto a Terni quanto altrove, da ultras e tifosi, da giornali e televisioni con il risultato di attirare maggiormente l’attenzione delle forze dell’ordine su di noi. Nonostante tutto ciò siamo andati e andremo avanti sulla nostra strada perché sappiamo che il nemico tentacolare che oggi ci troviamo di fronte mira all’annientamento del mondo ultras negli stadi e dell’antagonismo politico nelle piazze. A questa criminale strategia di “ordine sociale” ci opporremo fino alla fine con l’unico mezzo che conosciamo: la resistenza ad oltranza. Oggi rispetto a due anni, infatti, la situazione tanto nella società quanto nello stadio è quasi divenuta insostenibile. Infatti, mentre nel mondo la guerra prende il posto della politica e il governo italiano non trova meglio da fare che criminalizzare gli ultras, il calcio italiano è:
- stuprato dai profitti presidenziali;
- svuotato di popolarità dal potere delle tv a pagamento;
- militarizzato dalla presenza massiccia dei reparti speciali;
- gestito dal “conflitto di interessi”;
- ma soprattutto attraversato da una repressione degna della Santa Inquisizione.
Dopo la legislazione speciale (diffida di 3 anni con obbligo di firma) il cui unico risultato è stato quello di far aumentare il numero degli scontri, dei feriti, e delle sanzioni amministrative (penali) oggi Lega e Federazione vogliono farci credere che il calcio si può salvare dalla “terribile” violenza ultras solo attraverso il ricorso alla tolleranza zero e alla legislazione emergenziale (arresto differito di 36 ore).
E’ per tutte queste ragioni che ci sentiamo di condividere la preoccupazione di chi oggi cerca di organizzare una mobilitazione la più ampia possibile per difendere l’identità ultras, ma ci sono due punti fondanti di resistenza ultras che cozzano violentemente con il manifesto che convoca la riunione odierna e che ci impediscono di partecipare alla manifestazione nazionale:
- Consideriamo lo stadio una parte importante della società e non un’oasi paradisiaca come tanti vorrebbero far credere e come tale lo viviamo coniugando l’amore per la “maglia” con la rivendicazione delle nostre idee politiche ed il rispetto di amicizie storiche con la necessità di dar vita ad una condivisione di idee ed azioni che superi gli anacronistici gemellaggi sportivi;
- Consideriamo i rigurgiti neofascisti, razzisti e xenofobi propri di un gran numero di gruppi ultras italiani (oggi presenti) un cancro da estirpare. Pensiamo cioè che bisogna trasformare i valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo da inascoltati principi costituzionali in prassi militante.
Chiederci di fare a meno della politica è come chiederci di vivere senza ossigeno, in pratica è come chiederci di morire. Siamo abituati infatti a vivere le nostre curve come luoghi di socializzazione ed aggregazione, ad esporre i nostri simboli e a pensare con le nostre teste senza cadere nella trappola di chi pretende di ripulire il calcio dalla politica. Soprattutto perché la nostra è una politica che lotta per i diritti di cittadinanza e per la salvaguardia del mondo ultras . Detto questo rilanciamo con maggiore convinzione che mai il fronte di resistenza ultras ricordandone ancora una volta le finalità:
- fermare sullo stesso terreno in cui si manifestano ( curve, borgate periferiche, piazze) i rigurgiti neofascisti e xenofobi;
- salvare la popolarità del calcio dall’offensiva televisiva;
- liberare gli stadi dai reparti in “assetto speciale”;
- difendere lo stato di diritto dall’assalto delle legislazioni speciali o emergenziali;
Condividere questo percorso non significa rinunciare a rivalità storiche né tanto meno trasformarsi da ultras in tifosi da bar, ma significa lottare concretamente per la propria sopravvivenza.
L’ultimo pensiero non può che andare ai tanti compagni, costretti a passare le proprie domeniche ostaggi delle firme in questura se non dell’arresto differito, vittime dell’arbitrarietà repressiva con cui i padroni del calcio ed i rappresentanti delle forze dell’ordine pensano di “spezzare le reni” al mondo ultras per esportare poi tale modello repressivo nelle piazze movimentate dall’antagonismo politico!
NON CI AVRETE MAI COME VOLETE VOI……
RESISTENZA ULTRAS TERNANA
 

COMUNICATO COSENZA SPPORTERS
venerdì 4 aprile 2003  
 
Speravamo che l’organizzazione dell’iniziativa avvenisse collettivamente. Così non è stato. Il comunicato distribuito appena arrivati, per altro molto simile (!) a quello diffuso dai laziali poco tempo fa, era già bell’e pronto e sapeva tanto di comunicato ufficiale e soprattutto definitivo.
Non ci è piaciuta la fretta con cui qualcuno ( i laziali ) ha tentato di liquidare la faccenda. Non vorremmo che tale fretta fosse strumentale ai problemi di casa propria! A buon intenditor…
Non ci è piaciuto il modo in cui si è svolto il dibattito: hanno parlato sempre e solo gli stessi, relegando la stragrande maggioranza dei presenti al silenzio. Ci chiediamo quindi cosa ne pensano di tutto ciò palermitani, siracusani, castrovillaresi, gli stessi salernitani, angresi, aquilani e finanche i torresi, provenienti dalla non certo vicina Sassari.
Un discorso a parte meritano quelli del Progetto Ultrà di Bologna. L’impressione è che la gestione dell’iniziativa sia loro sfuggita di mano: non è un caso che si siano dissociati dall’iniziativa proprio quelle tifoserie da sempre vicine alle posizioni del Progetto: anconetani, veneziani, ternani, ecc.
Perché non leggere poi, il comunicato del Collettivo Ancona, consegnato a Carlo?
E perché quel tentativo di ricucire lo strappo con un nuovo incontro poi sfumato? E perché ancora quel continuo riferimento all’unità a tutti i costi?
Posto che la repressione la subiamo tutti indistintamente, noi abbiamo altro da proporre, come soluzione del problema, alla “militarizzazione delle curve” tanto cara ai laziali! E tali proposte, avremmo voluto farle a tutti. Né crediamo che su un ipotetico palco i cosentini avranno diritto di parola: non crediamo di essere smentiti se affermiamo di conoscere già i “delegati degli ultras”. E tali delegati non ci stanno bene, come non ci stanno bene le loro proposte.
Abbiamo lasciato per ultimo, non certo per importanza l’aspetto ideologico. Siamo consapevoli che una manifestazione di questo genere, per essere unitaria, debba prescindere dai simboli politici. Ma se questo vuol dire un sostanziale azzeramento dei contenuti della discussione, preferiamo che siano altri a marciare per Roma al fianco di chi vende merchandise in 12 negozi della capitale, di chi oggi afferma di essere represso e fino a ieri era colluso con le “guardie”, di chi, infine, nei comportamenti non è molto dissimile da chi indossa un casco ed impugna un manganello.
Pertanto, come Cosenza Supporters, abbiamo deciso di dissociarci dall’iniziativa. Se non ne verrà posta nuovamente in discussione l’intera organizzazione e gestione, non parteciperemo ufficialmente a nessuna iniziativa, fermo restando che, democraticamente, ognuno è pur sempre libero di aderire individualmente.
L’assemblea dei Cosenza Supporters
 
Comunicato Irr Lazio
venerdì 4 aprile 2003  
 
GLI Irriducibili Lazio, in riferimento al comunicato diffuso dai bergamaschi
e alle contestuali, infodate accuse rivolte contro il nostro gruppo, successive
a una riunione di stampo carbonaro, vogliono precisare quanto segue.
Gli Irriducibili non hanno mai avuto l'intenzione di rompere l'accordo raggiunto
nell'incontro collettivo di Salerno, quando si erano stabilite le linee
guida della manifestazione romana legata al movimento ultras.
Sono invece i bergamaschi, che parlano di comportamento scorretto, a dover
motivare il senso e i contenuti dell'incontro clandestino che s'è svolto
con Carlo Balestri di Progetto Ultrà a Parma, un incontro che ha
sovvertito i temini dell'intesa raggiunta, ripetiamo, collettivamente, a
Salerno.
Il nostro rifiuto è arrivato quindi in relazione a un accordo rivisto e
corretto solo da pochi gruppi, senza che nessuno di noi fosse stato preventivamente
avvisato e messo al corrente dell'avvenuta modifica dei termini prestabiliti.
Per questo chi vuole continuare a farsi sfruttare da Progetto Ultrà, che
riceve finanziamenti europei, sappia che noi non vogliamo invece farci gestire
da chi non c'entra niente con il nostro mondo, preferendo ascoltare le ragioni
della nostra mentalità e della nostra coerenza.
Anche per questo, in futuro, non risponderemo più a comunicati del genere,
continuando a rendere pubblica, attraverso il nostro sito internet, l'ideologia
che ci anima.
IRRIDUCIBILI LAZIO
 

 Accuse, malafede e chiarimenti – Comunicato Ufficiale Movimento Ultras
venerdì 4 aprile 2003  
 
Abbiamo cercato di non accendere i toni, di non addossare pubblicamente le colpe a qualcuno, di non specificare le ragioni del disaccordo, lasciando una porta aperta per il futuro e per una possibile riconciliazione per il bene del movimento. Ed ecco che, come si poteva forse supporre, c’è chi queste cose non le capisce e coglie anzi l’occasione per strumentalizzare il tutto e ribaltare la realtà. E allora è giunto il momento di raccontare le cose come stanno, perché chi questa manifestazione del 4 aprile ora se la deve gestire, messo con le spalle al muro, non ha saputo far altro che sfornare falsità.
Punto 1: Le tifoserie che hanno deciso di non partecipare alla manifestazione dopo i disaccordi con gli Irriducibili Lazio sono le seguenti: Bergamo, Brescia, Milan, Napoli, Parma, Reggio Emilia, Salerno, Torino. A queste vanno aggiunte tutte quelle che si sono tirate fuori già dall’inizio, pur sostenendone la causa, perché non si fidavano del gruppo ospitante e perché non ne condividevano la mentalità (Ancona, Catanzaro, Cosenza, Cremona, Perugia, Pisa, Venezia…), e quelli che lo faranno adesso dopo i recenti sviluppi (Arezzo, Bologna, Cava, Chieti, Empoli, Modena, Pescara, Pesaro, Pistoia, Ravenna, Boys Reggina, Sampdoria, Torres, Vicenza…).
 
Punto 2: A questo punto specifichiamo le ragioni della divisione, non ci resta altro da fare. Sono fondamentalmente due: da un lato divergenze organizzative, specialmente sulla conclusione della manifestazione, dall’altro un diktat degli Irriducibili che non volevano figurasse pubblicamente il Progetto Ultrà né nella conferenza stampa, né alla manifestazione.
 
Per quanto riguarda il primo problema, la maggioranza dei gruppi promotori della manifestazione (quelli poi che hanno dato il via a tutto il progetto mesi fa) era contraria fin dall’inizio all’idea di un comizio finale, preferiva la semplice lettura di un comunicato ben preparato, per evitare possibili strumentalizzazioni e per poter studiare bene ciò che si sarebbe detto. I gruppi ospitanti, invece, avevano in mente un comizio a ruota libera, e non cedevano su questo punto. Abbiamo quindi proposto di far leggere a tre rappresentanti (nord-centro-sud) un discorso preparato, ma neanche quest’idea è stata accettata: un testo concordato con gli altri gruppi non andava bene. Il punto principale era che i gruppi ospitanti volevano che ci fosse la possibilità di parlare a ruota libera, su temi concordati ma a ruota libera: sappiamo tutti come, di fronte a migliaia di persone, uno possa farsi prendere la mano. Nonostante si comprendesse quindi il momento delicato per gli Irriducibili, nonostante si fosse più che solidali con loro per gli arresti subiti e le custodie cautelari, non si poteva accettare il rischio che un discorso unitario su problemi degli Ultras diventasse un discorso personale sui problemi di questo o quel gruppo. Ma su questo punto ci si è trovati davanti ad un muro. L’atteggiamento dei gruppi ospitanti è stato questo “O si fa così o noi scendiamo in piazza lo stesso da soli, non ce ne frega nulla”. Alla faccia dell’unità!
 
Poi, a 5 giorni dalla manifestazione, è emerso il problema del Progetto Ultrà, che dev’essere veramente un grosso problema per i gruppi ospitanti, visti poi i comunicati del 2 aprile e quelli successivi che ne accusano il responsabile per quanto sta accadendo. Pur essendo il Progetto Ultrà uno dei promotori della manifestazione, pur avendo fatto da tramite tra molti gruppi, pur avendo contribuito a creare quel gruppo di lavoro che ha portato avanti tutto il progetto, ben prima che si inserissero coloro che oggi si vantano di ciò che è stato fatto da altri, gli Irriducibili hanno posto come condizione che il Progetto Ultrà non comparisse. Le ragioni per questo? Il fatto che il Progetto Ultrà porta avanti iniziative come i Mondiali Antirazzisti. Alla faccia dell’unità.
 
Posti di fronte a questo diktat, in condizioni normali e vista la posizione di maggioranza, sarebbero stati i gruppi di Roma a doversi tirare indietro e dire “noi così non ci stiamo”! E invece, vista la scelta di Roma come sede della manifestazione, hanno potuto dire “facciamo tutto da soli” andandosene via dalla riunione bellamente e fregandosene altamente di ciò che pensava la maggioranza di quello che può essere definito il “gruppo di lavoro”.
 
Punto 3 : E’ inutile che adesso questi gruppi organizzatori si nascondano dietro ad accuse infamanti tese a screditare l’operato di un individuo, facendone tranquillamente il nome e attaccandolo personalmente, accusandolo di falsità dopo che fino a ieri era una continua chiamata al telefono per organizzare la manifestazione. I gruppi ospitanti, Irriducibili in primis, sanno benissimo che le scelte sono state prese da molti gruppi ed in totale accordo (vedi quelli elencati sopra più tutti quelli che si toglieranno adesso), e non dal Sig. Carlo Balestri, né tantomeno dal Progetto Ultrà. E’ inutile che vi abbassiate a tanto per giustificare la rottura del gruppo di lavoro da voi voluta e il voler fare tutto unicamente a modo vostro.
 
Allo stesso modo, speriamo sia chiaro che non vi sono motivazioni politiche di sorta dietro a questa frattura, come ci è capitato di sentir dire. Per ogni eventuale dubbio, può essere sufficiente vedere la lista dei gruppi firmatari di questo comunicato.
 
Siamo comunque assolutamente solidali con il gruppo ospitante per gli arresti ingiustificati subiti, e non vogliamo porci in contrapposizione con la manifestazione di oggi 4 aprile. Speriamo anzi, essendo prima di tutto Ultras, che la protesta di Roma possa contribuire a dare un segnale positivo e portare miglioramenti alla situazione del mondo Ultras.
 
Determinati atteggiamenti ci hanno però portati a dover assumere una posizione netta e decisa.
 
E’ infatti troppo facile accusare, addossare ad altri le colpe della rottura a pochi giorni dalla manifestazione, accampando anche tesi pretestuose come quella di non essersi attenuti alla riunione di Salerno dove, e tutti i partecipanti lo possono confermare, le uniche cose decise sono state il sì alla manifestazione, le possibili date e qualche regola di partecipazione, ma sicuramente non il vostro tanto caro comizio finale.
 
Ma questo pensiero potrà forse far riflettere…
 
Se da un progetto così importante decidono di tirarsi fuori, dopo averci lavorato per mesi, a pochi giorni di distanza e con tutto quello che può comportare, gruppi come i bergamaschi, i bresciani, i milanisti, i napoletani, i salernitani e tutti quelli elencati sopra, una ragione ci sarà non è vero???
 
Un’ultima cosa: se gli Irriducibili o chi per loro gestisce la manifestazione avessero avuto almeno il buon gusto di scrivere un nuovo comunicato ufficiale ed un nuovo volantino, sviluppando tematiche proprie invece di risistemare a loro piacimento quello precedentemente preparato per la manifestazione unitaria, sarebbe stato un bel gesto.
 
E invece anche questo può essere visto come un evidente sintomo di come si sia sfruttato il lavoro di altri per farsi belli di fronte al mondo Ultras.
 
Il presente comunicato è da considerarsi scritto, condiviso e firmato dai seguenti gruppi:
 

Brigate Rossonere Milan e Commandos Tigre Milan
 
Curva Nord Atalanta
 
Curva Andrea Costa Bologna
 
Curva Nord Brescia 1911
 
Fedayn Napoli
 
Boys Parma e Settore Crociato Parma
 
Ingrifati Perugia
 
Boys Reggio Calabria
 
Teste Quadre Reggio Emilia
 
I gruppi di Salerno
 
Ultras Tito Cucchiaroni Sampdoria
 
Ultras Granata e Granata Korps
 
Ultras Unione e Rude Fans Venezia-Mestre


NUOVO DECRETO
 
Violenza negli stadi: via libera al decreto
venerdì 21 febbraio 2003  

 

ROMA - Flagranza di reato allungata alle 36 ore, più poteri ai prefetti, chiusura degli stadi fino a un mese in caso di episodi di violenza. Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi il decreto legge contro la violenza negli stadi.
Un provvedimento che il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, vede come un rimedio per fermare la crescita "allarmante" della violenza negli stadi, "arrivata ad un livello insostenibile e inaccettabile". Secondo i dati del titolare del Viminale il tributo che si paga a causa degli scontri durante le partite di calcio "è una barbarie inaccettabile". "Ogni domenica - dice Pisanu - 28 poliziotti feriti e 8 civili rimangono feriti per le violenze. Il mondo del calcio appare ingovernabile e la barbarie non fronteggiabile".
 
Per fare argine, il governo ha reintrodotto la norma sull' arresto in flagranza differita (due anni fa la norma, poi soppressa, diede ottimi risultati perché consentiva alla polizia l'arresto entro le 48 ore dal reato). Con la norma di oggi una persona può essere arrestata non oltre le trentasei ore successive agli episodi di violenza negli stadi grazi all'uso di foto e immagini televisive. Grazie a questo articolo gli autori delle violenze potranno essere processati per direttissima. Pisanu, ha inoltre spiegato che il decreto legge avrà due emendamenti. Il primo conterrà la facoltà da parte dei prefetti di intervenire sui calendari sportivi, con ampia facoltà in caso di emergenza di spostare le partite di calcio; l'altro prevederà la chiusura degli stadio, per un massimo di un mese, sempre da parte dei prefetti, in caso di intollerabili violenze.
 
Ma il nuovo decreto non piace a "Progetto ultrà" che lo bolla come un tentativo di criminalizzare i tifosi. ""Siamo alle solite. Agli episodi di
violenza che si registrano nel calcio lo Stato sa rispondere solo con misure repressive. Come ha sempre fatto negli ultimi venti anni senza ottenere uno straccio di risultato - dice il responsabile Carlo Balestri - La quasi
flagranza è prevista dal codice solo per reati gravissimi, e in presenza di indizi e prove certe: una foto o una ripresa tv, lo sappiamo bene per esperienza diretta, non possono essere considerate tali, anche perchè si tratta di immagini estrapolate in contesti molto confusi, tra decine di persone in movimento. Gli scambi di persona sono facilissimi"
 

Pisanu ha inoltre fornito una serie di dati che fotografano il fenomeno. Secondo il Viminale il numero degli incidenti sarebbe raddoppiato, mentre quello dei feriti, triplicato. Il confronto delle prime venti giornate del campionato di calcio nelle sue varie serie, con l'analogo periodo dello scorso anno, sempre secondo i dati del Viminale, è chiaro: +91% il numero degli incontri dove si sono registrati feriti, addirittura +629% gli incidenti che hanno richiesto l'uso di lacrimogeni, +201% il totale delle persone ferite, +118% i denunciati mentre il numero degli arrestati è curiosamente uguale a quello dello scorso anno: 122. E se i tifosi feriti sono passati da 87 a 214 (+146%) gli agenti delle forze dell'ordine costretti a ricorrere alle cure mediche sono cresciuti in maniera ben più preponderante: da 171 a 562, con un aumento del 228%. In forte incremento anche i danni causati dai tifosi in trasferta. Alle Ferrovie, ad esempio, le prime 20 giornate di campionato sono già costate 449.250 euro contro i 113.620 euro spesi per l'intero campionato dello scorso anno. Discorso analogo nei confronti di chi al treno preferisce l'auto: la società Autogrill ha sborsato finora 32.890 euro rispetto ai 15.080 euro dell'anno passato. A scatenare gli incidenti, prima ancora che il tifo esacerbato per la squadra del cuore, è la sfida alle forze dell'ordine: gli scontri con gli agenti di pubblica sicurezza, infatti, rappresentano il 43,4% dei motivi degli incidenti contro il 42,9% riservato agli scontri fra opposte tifoserie. Nel mirino del tifo violento sono soprattutto i poliziotti che, nelle prime venti giornate di campionato, hanno avuto 466 feriti, cui vanno aggiunti 86 carabinieri, 9 vigili urbani e una guardia di finanza.
 
(tratto da www.larepubblica.it)




 Nuova rubrica di messaggi lasciati sul muro di ultras inside
 
La maestra assegna a Pierino un compito da fare a casa con la traccia: "Che cervello vorresti avere.." Pierino lo svolge così: "Se malauguratamente qualche giorno dovessi avere bisogno di un trapianto di cervello desidererei avere il cervello di un cosentino, meglio se un Nucleo Sconvolto, almeno avrei la sicurezza di averne uno di seconda mano, ma mai usato!
 
COSENZA FOGNA DEL MERIDIONE
Dal 1973 In Calabria solo Noi
LIBERTA' PER GLI ULTRAS
NO AL CALCIO MODERNO
ULTRAS CATANZARO
usa boia
 
a tutti gli anconetani:anke kuest anno noi da voi siamo venuti e vi abbiamo affrontato...spero ke voi non facciate kme ogni anno le karogne disertando il S.Elia...CON GLI SCONVOLTS QUANDO VOLETE!!!


LA STORIA DEL TUO DERBY SCONTATO:A BARI SCORTATO ALECCE IMBOSCATO!
LECCESE BACIAMELO


L'EUROPA NON SI U.S.A.!
BOICOTTIAMO LO ZIO SAM!

 

ULTRAS LIBERI.NO ALLA REPRESSIONE


In Sardegna solo SASSARI e la TORRES !!
Noi non siamo cagliaritani !!!
 




ACCENDI  LA   PASSIONE...
SPEGNI LA TELEVISIONE!
 

Sito Italiano....le Grandi
(DRUNKS CATANIA)
Gradevole la grafica belle le rubriche; le foto potrebbero essere migliori;
grande il otenziale di questa tifoseria che cerca un posto fisso nel calcio che conta
beviam beviam beviam!
*Grafica 8 *Testi 7*Informazione 8  *Originalità 7

Voto Totale 7,5


 
 
Sito Italiano...le Piccole
(BRIGATA LITTORIA LATINA)

spartano nella grafica ma buono come informazione e chiaro nelle idee;
da lodare; insolito lo striscione, ma non sono nuovi di queste cose; ricordiamo lo striscione i ragazzi della nord da guinnes!
*Grafica 7 *Testi 8 *Informazione 7,5 *Originalità 7,5

Voto Totale 7,5
 
SITO ESTERO
(MAD BOYS PANATHINAYKOS GRECIA)
sullo stile italiano questo sito che ci ha subito colpito per la professionalità e la velocità. vedetelo, non ve ne pentirete!
*Grafica 8 *Testi 8 *Informazione 7,5 *Originalità 7,5

Voto Totale 7,5



"L'Arte va Premiata !!!"  
Inviaci la foto della tua curva per farla partecipare al concorso!


PER REALIZZARE IL  MATERIALE DEL TUO GRUPPO A PREZZI IMBATTIBILI E DI OTTIMA QUALITA' CONTATTA: 

ANCHE PER PICCOLI ORDINI ! 
Offerta eccezionale: chi realizza il proprio materiale alla GUAGIU riceverà in omaggio gli articoli ufficiali di Ultras Inside!


Se vuoi scrivere al notiziario, segnalare eventi e siti, inviarci una foto da pubblicare, non ricevere più il notiziario Ultras Inside, invia un messaggio a :


ODIO ETERNO AL CALCIO MODERNO  

 
E' ATTIVA LA CHAT DI ULTRAS INSIDE!
Partecipate tutti!
Siccome non è ancora molto frequentata
l'appuntamento è ogni sera dopo le 21:00
Cerchiamo solo di mantenere un comportamento dignitoso.