26 aprile 2008

Dopo i gravi incidenti di Parma,ennesimo stop per i Napoletani

Fonte: napolisoccer.net

L’osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, riunito oggi per la consueta seduta settimanale, ha stigmatizzato il comportamento tenuto in occasione delle ultime partite del campionato di calcio dalla tifoseria del Napoli . I tifosi partenopei, infatti, in occasione della gara con il Parma, hanno dapprima tentato di sfondare il cordone degli steward, poi hanno dato vita a tafferugli in città e successivamente, giunti alla stazione di Bologna, hanno ritardato di oltre 70 minuti la partenza di un eurostar costringendo all’attesa oltre 600 viaggiatori che sono potuti ripartire solo dopo l’intervento delle Forze dell’ordine. Per le prossime giornate di campionato, l’Osservatorio ha stabilito per la partita "Torino - Napoli" (serie A - in programma il 4 maggio) la chiusura del settore ospiti con la possibilità che il settore medesimo venga riutilizzato per favorire la presenza allo stadio di particolari categorie di spettatori(famiglie, scuole,associazioni di anziani,ecc.)nonché la limitazione della vendita dei biglietti nella sola provincia di Torino.

18 aprile 2008

Catania, tredici arresti tra gli ultras

Fonte: quotidiano.net

Sono accusati di aver fatto parte di un gruppo di tifosi che avrebbe organizzato e commesso violenze durante diversi incontri di calcio, compreso il derby Catania-Palermo quando morì l'ispettore Raciti

La Digos di Catania ha arrestato tredici giovani accusati di aver fatto parte di un gruppo di tifosi che avrebbe organizzato e commesso violenze durante diversi incontri di calcio, compreso il derby Catania-Palermo del 2 febbraio 2007 quando davanti allo stadio 'Massimino' morì l'ispettore di polizia Filippo Raciti.

I tredici arrestati non sono comunque accusati dell'omicidio del poliziotto. Rispondono invece di associazione a delinquere finalizzata alla turbativa di manifestazioni sportive, come contestatogli dal gip che ha emesso gli ordini di custodia cautelare su richiesta del procuratore aggiunto Renato Papa. I provvedimenti sono stati eseguiti in un'operazione denominata «Non stop», e di due di essi sono stati notificati in carcere a indagati già detenuti per altri reati. Tra i 13 arrestati c'è un personaggio noto negli ambienti degli ultras catanesi con il soprannome di «Koala», che era stato interrogato nell'ambito dell'indagini sul caso Raciti.

6 aprile 2008

Dale Cavese - Video virale su Youtube

gazzette dello sport

ROMA, 4 aprile - Due minuti e 25'' di immagini e suoni che trovano quotidiani estimatori in tutto il mondo. “Dale Cavese” è cliccatissimo e oggi ha superato i 833.000 contatti (viaggia a una media di oltre tremila “click” giornalieri), una cifra altissima che colloca il filmato tra i più visti tra quelli presenti su YouTube. Tra i video dedicati alle tifoserie calcistiche è primo in assoluto al mondo, nella graduatoria generale ha un posto di tutto rispetto ed è anche il video italiano più visto.

“Dale Cavese” mostra i tifosi della Curva Sud (dedicata a Catello Mari, capitano della Cavese scomparso in un incidente stradale dopo la promozione in C1) dello Stadio Lamberti di Cava de’ Tirreni che, in occasione di una gara serale contro l’Ancona, si esibiscono in una coreografia che colpito i sostenitori di tantissime squadre di calcio tanto che centinaia di altre tifoserie hanno adottato “Dale Cavese” o liberamente si ispirano nei loro cori. Tifosi inglesi, turchi, tedeschi, austriaci, francesi, danesi, svedesi, rumeni, belgi, australiani e di molti altri Paesi inneggiano alla loro squadra del cuore sulle note di “Dale Cavese”. Basta andare in Internet su YouTube per vedere e leggere i quasi quattromila messaggi dedicati all’avvenimento. Ormai “Dale Cavese” è un fenomeno mondiale in una babele di lingue. Anche diverse tifoserie italiane utilizzano “Dale Cavese” tra i loro canti domenicali, naturalmente i sostenitori della Cavese (squadra di C1 fondata nel 1919 e tuttora conserva i colori originali bianco e blù scuro) invitano a diffidare dalle imitazioni.

“Dale Cavese” è la riproposizione europea di “Dale Boca”, un canto nato negli anni Cinquanta del secolo scorso in Argentina e utilizzato dai tifosi del Boca Juniors, antico club platense fondato nel 1905 dai xeneizes, ossia da genovesi. Il Boca è squadra conosciuta nel mondo anche per aver lanciato all’attenzione mondiale Diego Armando Maradona, universalmente riconosciuto come 'o maste, il maestro. La tifoseria del Boca è nota anche come la Numero Doce, il “dodicesimo calciatore” che nella buona e nella cattiva sorte fa sentire il suo incessante appoggio ai gialloblù.

“Dale Boca” riecheggia una canzone di protesta nell'era peronista e rispetto alla versione “Dale Cavese” utilizza una sezione fiati (trombe e trombette) più marcata mentre i tifosi biancoblù hanno preferito dare spazio ai tamburi, privilegiando una tradizione musicale campana più incline alla “tammorra”.
Un grande dibattito accompagna “Dale Cavese” nell’immensa comunità mondiale dei tifosi. Alcuni sostenitori del Genoa, per esempio, pur riconoscendo a “Dale Cavese” bellezza estetica e notevole appeal, preferiscono intonare “Dale Boca” per l’ancestrale rapporto con il club argentino. Nell’ultimo confronto disputatosi al Meazza di Milano tra Inter e Juventus si sono udite le note di incitamento di “Dale Cavese”.

Coloro che vogliono approfondire l’argomento devono inserire su YouTube la scritta “Dale Cavese” e il resto arriva da solo. Buon divertimento: intanto il milione di contatti non è lontanissimo.