30 dicembre 2014

Casertana-Salernitana: comunicato dei tifosi casertani

Quello con la Casertana sarà un derby caldissimo nonostante il freddo di questi giorni. La sfida manca ormai da 22 anni, e nella città di Caserta con il passare delle ore sale l’attesa così come testimoniato dai primi dati relativi alla prevendita dei biglietti riservati agli abbonati della Casertana. Nei giorni passati a Caserta erano apparse scritte offensive e indecenti nei confronti di Salerno e sopratutto del Siberiano Carmine Rinaldi, scritte che hanno scaturito l’amarezza dei tifosi granata e non solo. Anche da Caserta arriva la condanna al vile gesto, così come comunicato dal gruppo Fedayn Bronx:
“La tifoseria casertana con a capo il gruppo organizzato FEDAYN BRONX 1981 prende le distanze e condanna il becero comportamento di alcuni individui da non considerare in alcun modo ULTRAS nei confronti del compianto Carmine Rinaldi al secolo “Siberiano”. Pertanto ci teniamo a scusarci con la famiglia del defunto Carmine e di conseguenza con la Curva Sud di Salerno. Questo gesto non deve essere visto come una Tregua o non un avvicinamento tra le parti, ma, solo una forma di rispetto nei confronti di una persona che fin quando è stato in curva ha lottato per i nostri ideali e a vivere la nostra stessa vita “ULTRAS” l’unica cosa che ci accomuna. Ci tenevamo a precisare che l’odio resta immutato per i salernitani e che non aspettiamo altro per confrontarci sugli spalti e fuori. SIBERIANO VIVE. FEDAYN BRONX 1981″. 


Comunicato di Gradinata 12: «Sospendiamo qualsiasi tipo di iniziativa»

Comunicato Gradinata 12
Pensieri e parole, le nostre, rimaste fin troppo nell’ombra, a fronte di quelle pronunciate da mercanti di chiacchiere e pseudo guerrafondai, i quali hanno grtuitamente deciso di gettare fango sulla nostra credibilità, con la speranza di poter assistere da semplici spettatori privi di attributi, ad eventuali “post partita” nella gara persa in casa contro l’Andria.
Individui, che al pari di bandiere e vessilli, cambiano direzione e idee in base al vento (il nostro non riuscirete a fermarlo), cavalcando l’occasione propizia per investire di contumelie l’avversario di turno, gli stessi avversari (noi oggi, Ultras Front Bisceglie ieri) che offuscherebbero con i fatti, queste mezzefigure.

In una città, Bisceglie, ai cui figli è stato impedito (“grazie” ai carrozzoni politici) di crearsi un proprio ideale, uno stile di vita, capiamo bene che delle menti libere come le nostre, con idee precise e in controtendenza con la massa, possano suscitare malumore per decisioni intraprese (comunicato congiunto con la Curva Nord Andria).
Ricordiamo che la politica, quella vera, viene praticata da pochissimi…il Vaticano, causa principe di sangue sparso nel passato; i Servizi Segreti, mandanti ed esecutori di stragi; i massoni (banche e company).
Tra i mercanti sopra citati e noi, c’è una distanza… Una netta e giusta distanza!
La stessa già figlia del passato.
No, non lo sapete perchè in quei giorni e quel pomeriggio, è accaduto quello che è accaduto, ed è per questo motivo che succede e continuerà a succedere!
Per distanza che da quarant’anni ci separa, cioè dalla nascita della sottocultura del movimento Ultras.

Noi, non siam come voi… siamo ultras!
Ci “scusiamo” in anticipo, da questo momento in avanti, togliendo il disturbo, per aver invano tentato di educare la nuova e vecchia generazione…
Non si vive né di passato (il passato non fa presente), né di attuale movimento da “social”.
Tutti scrivete, tutti sapete, tutti avete opinioni e soluzioni! L’Ultras non è come voi: non utilizza siti internet per autointervistarsi per il proprio tornaconto, o attività parallele dove lucrare attraverso il “proprio” merchandising (Ultras no profit… Firm no business).

Per noi, oramai, non conta più la sola passione per questa società centenaria, il ricordare a memoria il nome o le gesta di un calciatore, il librarsi in ardite e colorite discussioni da bar… la “beatificazione” del presidente.
Questa distanza tra noi e voi la pretendiamo, ce la teniamo e in essa ci riconosciamo!

Questo comunicato ci sembrava doveroso: non ne seguiranno altri. Per la salvaguardia dei nostri ideali, per la solidarietà nei confronti dei leader che ci rappresentano, sospendiamo qualsiasi tipo di iniziativa, lasciando spazio ai “veri tifosi biscegliesi”
Approfittiamo infine, per salutare e ringraziare i gruppi Bisceglie Casual, Tasso Alcolico Elevato, fedeli e vicini nel bene e nel male.

18 dicembre 2014

Comunicato vecchio cuore nerazzurro


Con l'approvazione da parte del Viminale del Nostro progetto legato  al Trust che ci porta alla liberalizzazione delle trasferte, abbiamo raggiunto un traguardo di grande importanza per i nostri colori e pensiamo anche per altre  tifoserie di Lega Pro non aderenti al programma della tessera del tifoso.
Ad oggi siamo I primi e per ora gli unici in Italia.
Ad Agosto 2014, gli esponenti del Comitato della CURVA NORD Maurizio Alberti hanno portato in sede di COMITATO il testo della determina n. 26 del 11.7.2014 dell'Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive, che prevede la possibilità di riconoscere benefici, quale l'accesso alle trasferte anche per i NON tesserati, per le società che vedono nella propria compagine sociale rappresentanze di tifosi.
Sin da subito Il COMITATO VECCHIO CUORE NERAZZURRO (che come tutti sanno è già dal 2009, dal dopo il  fallimento del PISA CALCIO, che  detiene l'un per cento delle quote  dell'AC PISA 1909) con slancio ed entusiasmo si è fatto carico di portare avanti il progetto a beneficio  di quanti non hanno sottoscritto tessere, proprio al fine di riportare TUTTI i  tifosi in trasferta.
Ecco che il COMITATO ha formato atti e portato istanze ed incartamenti all'AC Pisa 1909 srl, che ha aderito al progetto, sottoscrivendo quanto di competenza.
Al cospetto di molti scettici, noi  ci abbiamo sempre creduto, ed abbiamo messo in moto la parte tecnico giuridico del COMITATO, che a partire dal Settembre scorso con passione e senza risparmiarsi ha tirato le fila di un lungo percorso che ha portato a questo  importante  risultato.
Ci preme aggiungere che tutto quello che abbiamo fatto, lo abbiamo fatto per la Città, per la Squadra e per l'intera tifoseria.
Ci abbiamo messo cuore ed anima, ed il risultato ottenuto ci riempie di gioia.
E'  per noi motivo di  grande soddisfazione e di  orgoglio che il 10 Dicembre 2014 l'Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni sportive abbia accolto una istanza  che si può considerare storica.

 Approvato all'unanimità dai Componenti del Direttivo del Comitato Vecchio Cuore Nerazzurro
(Centro Coordinamento, Tifosi diversamente abili, Associazione Cento, i Gruppi organizzati della Curva Nord Maurizio Alberti)

11 dicembre 2014

Comunicato Gradinata Nord Genoa

Negli anni abbiamo fatto di tutto per tenere unita la Gradinata Nord, abbiamo superato ogni contrasto e difficoltà e adesso è arrivato il momento di fare la differenza che ci impone la Storia.
Se siamo davvero i Migliori questo è il momento di dimostrarlo, vero che in campo non sappiamo come andrà ma possiamo fare in modo di scatenare l?'inferno sugli spalti, riprendiamoci quello che ci spetta con una Gradinata stracolma di bandiere e un tifo che faccia tremare le gambe ai giocatori in campo.
Siamo sempre stati in grado di fare la differenza nei momenti di difficoltà, tremava lo stadio quando eravamo in Serie B o C, anni in cui il Genoa non passava neanche la metà campo, abbiamo fatto trasferte oceaniche per partite che al più ci avrebbero garantito la Serie B e adesso?
Il Genoa sta toccando la Storia e noi cosa vogliamo fare? Insieme siamo imbattibili e dobbiamo dimostrarlo anche domenica. Il momento è questo non ci sono più scuse, non devono esserci, il tifo deve far esplodere lo stadio.
Il valore aggiunto del Genoa è e sarà sempre la Gradinata Nord e se vogliamo provare il tutto per tutto, se vogliamo far vedere l?'inferno a chi ostacola il cammino del Grifone, la Nord deve essere un muro umano di tifo e bandiere, insieme, uniti facciamo paura, e domenica dobbiamo farlo.
Non sappiamo come finirà.
Ma noi abbiamo una gran voglia di arrivare a fine partita con l?'intero stadio a bocca aperta, con le squadre a bocca aperta, con una Nord che, comunque vada, avrà vinto su tutto.
Abbiamo la possibilità di scrivere un pezzo nuovo della Storia del Genoa.
Noi siamo pronti. E voi?
DOMENICA ORE 15 TUTTI CON UNA BANDIERA E UNA CERTEZZA?...SCATENIAMO L?'INFERNO!!!!!
Gradinata Nord.

9 dicembre 2014

Savoia, il comunicato stampa dei tifosi biancoscudati

Dopo aver appreso del ‘quasi’ scontato divieto per il match di Aprilia contro la Lupa Roma, noi tifosi delSavoia abbiamo deciso di appellarci alle Istituzioni. Il rischio di vederci privati dell’ennesima trasferta loconsideriamo ingiusto e punitivo. In questi anni abbiamo dimostrato di saper rispettare le regole, abbiamo subito in silenzio tantissimi divieti, da due settimane abbiamo messo da parte le nostredivergenze per unirci, tutti insieme, in Curva. Abbiamo dato l’esempio, adesso ci aspettiamo che chidecide le nostre ‘sorti’, si renda conto degli importanti passi in avanti e ci dia fiducia.
Ci appelliamo alpresidente della Lega Pro, Mario Macalli, al sindaco di Torre Annunziata, Giusuè Starita,all’amministratore unico del Savoia, Francesco Maglione, affinchè ognuno, nelle proprie possibilità, possarendersi portavoce della nostra richiesta. Ad Aprilia vogliamo esserci così come a Messina ed in tutte lesuccessive trasferte. Non fermate la nostra passione, la nostra fede per questi colori. Chiediamo solo diessere liberi di tifare e seguire i nostri beniamini in ogni parte d’Italia.Se ci sarà il ‘via libera’, andremo ad Aprilia con il solo intento di sostenere la squadra in questo momentodifficile della stagione.

Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità, così come abbiamo già fattodopo gli episodi relativi alla gara col Cosenza. I veri tifosi chiesero ed ottennero subito un chiarimento conla Questura di Torre Annunziata.Ci auguriamo che Macalli, Starita e Maglione possano intervenire con il Prefetto, il Questore e tutte leautorità preposte alla decisione in questione, per darci la possibilità di seguire il Savoia fuori casa. Noi cisperiamo e ci crediamo.

I tifosi del Savoia

Coreografia Juventus - Atletico Madrid