19 maggio 2005

Serie B al sabato alle 15

CALCIO: LEGA; DAL PROSSIMO ANNO SERIE B AL SABATO POMERIGGIO

(ANSA) - MILANO, 19 MAG - La serie B giochera' il sabato
pomeriggio alle 15 nella prossima stagione, fermi restando
l'anticipo di una partita il venerdi' sera e il posticipo di
un'altra gara il lunedi' sempre alle 20.30. E' questa la
principale decisione dell'assemblea delle 22 societa' della
serie cadetta comunicate alla fine della giornata di riunioni in
Lega.
''E' un motivo di soddisfazione per tutti - ha commentato il
vicepresidente per la serie B Enrico Preziosi - perche' credo
che, dopo l'incontro con la Rai per i diritti in chiaro, la
mossa vada nella direzione di dare nuovo valore e piu'
visibilita' al campionato cadetto''.
''La scelta servira' a facilitare la vendita del prodotto'',
ha detto da parte sua il presidente Adriano Galliani che ha
annunciato anche gli accordi per la copertura della Rai con una
specie di sabato sportivo e Novantesimo Minuto.
La decisione inoltre avra' anche ricadute positive nella
trattativa con le pay tv per la vendita dei diritti. ''Si va
verso un modo piu' moderno di seguire il calcio - ha aggiunto
Galliani - anche se ogni decisione ha i suoi pro e i suoi
contro. Anche qui ci sono, ma i pro sono sicuramente di piu'''.
Galliani ha poi accennato al problema della mancata ratifica
dell'accordo collettivo: ''Non c'e' stato l'accordo - ha
confermato - e quindi non firmeremo alcun contratto collettivo.
Fino al 30 giugno resta in vigore quello che c'era e poi
vedremo''.
I lavori della Lega Calcio proseguiranno comunque gia' nei
primi giorni di giugno con un'assemblea di categoria della serie
A e una di B e poi con un'assemblea generale che dovra' tornare
ad occuparsi di mutualita'. ''La B ha bisogno di certezze per
programmare il futuro e cercheremo di dargliele'', precisa
Galliani. La B ha poi chiesto il pagamento di conguagli relativi
al triennio 2002-2005: ''Spero si aprira' un garbato confronto -
chiosa Galliani - perche' ballano una trentina di miliardi di
vecchie lire''.(ANSA).

Comunicato Curva Nord Alessandria

18 Maggio 2005 Comunicato Ufficiale Gradinata Nord Alessandria
La Gradinata Nord, con il presente comunicato, intende esprimere la propria soddisfazione per l’acquisto dell’Alessandria Calcio da parte degli imprenditori alessandrini guidati dal Dott. Bianchi che, a differenza dell’ultima compagine societaria, ha inoltre acquisito nel mese scorso il simbolo ufficiale dei grigi.
Risolti finalmente i problemi legati all’identità della nostra squadra (marchio e maglia grigia finalmente uniti), auspichiamo vivamente per il futuro di discutere solo ed esclusivamente di calcio giocato.
Auguriamo alla nuova dirigenza di saper dare alla esigente tifoseria alessandrina quelle soddisfazioni sportive consone al blasone dell’Orso Grigio e alla passione della Nord.
Ricordiamo a tutti i tifosi di partecipare con il calore e l’entusiasmo tipici di questa stagione calcistica all’ultimo impegno della squadra in programma Sabato 21 Maggio alle ore 20:30 ad Alba.

FORZA VECCHIO CUORE GRIGIO!

18 maggio 2005

Raduno Ultras a Reggio Calabria

Giorno 27 maggio (venerdì) si svolgerà a Reggio Calabria un raduno cui sono invitate tutte le tifoserie.
I punti del RADUNO sono i seguenti:

1) LOTTARE AFFINCHE' LE DIFFIDE VENGANO EMESSE, SOLO DOPO REGOLARE PROCESSO, DA UN GIUDICE, COME ACCADE, QUOTIDIANAMENTE, PER I PIU' SVARIATI MOTIVI, E NON PIU' DAL PREFETTO

2) LE PARTITE LA DOMENICA ALLE 15.00 PERCHE', CON ORARI IMPOSSIBILI (SABATO ALLE 15.00, SABATO ALLE 20.30 ETC ETC ETC) VIENE TOLTO LA POSSIBILITA' DI ASSISTERE ALLA PARTITA A CHI NE AVREBBE IL DIRITTO

3) IL CAROPREZZI (ANCHE SE, IN TAL SENSO, GIA' QUALCOSA S'E' SMOSSA). NON E' POSSIBILE CHE, A PALERMO, ROMA, TORINO, (e questi sono solo alcuni esempi) SI PAGHINO CERTE CIFRE ESORBITANTI

chiunque volesse aderire, informazioni, maggiori dettagli, può contattarci all'email irriducibili1988@hotmail.com

8 maggio 2005

Ultras Palermo: "Noi controlliamo le curve"

«Il calcio non è un evento sportivo, ma una battaglia fra due fazioni che si scontrano. La repressione è inutile, abbiamo il pieno controllo delle curve. Quando non succede nulla è perchè siamo noi che lo vogliamo». Sesto Terrazzini, storico capo ultras dei Warriors Palermo, spiega perchè la violenza negli stadi non potrà finire e in un'intervista per Ateneonline, il quotidiano telematico della scuola di giornalismo dell'università di Palermo, annuncia battaglia al presidente Maurizio Zamparini, intenzionato ad abbattere le barriere all'interno dello stadio "Renzo Barbera".
Il proclama arriva subito dopo gli incidenti avvenuti ieri sera in curva sud durante Palermo-Chievo e la protesta dei tifosi contro il decreto sulla "tolleranza zero" del ministro Pisanu. Tre persone sono state arrestate dalla Polizia per resistenza a pubblico ufficiale, ma sono solo gli ultimi: dall'inizio della stagione sono stati emessi ben 41 divieti di accesso allo stadio, che fanno salire a 101 i provvedimenti dall'entrata in vigore della legge.

I tre sono giovani tifosi palermitani, rispettivamente di 19, 21 e 22 anni e sono stati arrestati ieri sera, poco prima dell'inizio della partita di calcio fra Palermo e Chievo Verona, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. I giovani facevano parte di un cospicuo numero di tifosi rosanero, una quarantina circa, che, poco dopo le 19, hanno tentato di entrare all'interno dello stadio Barbera pur senza disporre del biglietto d'ingresso.

Dopo avere scavalcato un gruppetto di tifosi muniti di biglietto, e ordinatamente in coda per entrare allo stadio, i tifosi hanno tentato di forzare la resistenza delle maschere della società del Palermo calcio e dei poliziotti presenti. I tre tifosi, dopo una breve colluttazione con gli agenti, sono stati bloccati e condotti negli uffici della Polizia, dove sono stati inoltre trovati in possesso di una piccola quantità di hashish. Per i tre arrestati, che devono rispondere dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, verranno avviate le procedure per l'adozione di provvedimenti Daspo. 


Fonte: LaSicilia.it