28 ottobre 2013

Inter e Milan, comunicato congiunto: La pace delle curve

‘La Gazzetta dello Sport’, in un articolo a firma di Giorgio Specchia, parla di un comunicato congiunto di Milan e Inter per promettere di far cambiare la legge per gli accessi allo stadio, chiedendo ai propri tifosi di non ripetere i cori anti napoletani che potrebbero portare alla chiusura dei settori.
La risposta è una tregua ultrà: “Le proteste continueranno, ma quello sfottò non verrà ripetuto”.

Riportiamo i passaggi più importanti di questo articolo.

”… La vostra forma di protesta contro una norma che appare per molti versi discutibile genera due effetti, entrambi indesiderabili. Un primo effetto è la limitazione ad accedere a San Siro. Un secondo effetto, molto più grave, è sentirsi accusare d’esser razzisti e di fare discriminazioni: eppure, il Milan/l’Inter è certo/a che nessuno di voi ha nel cuore sentimenti tanto incivili. La società farà quanto in suo potere per far modificare le norme che riguardano l’accesso agli stadi, ma ha bisogno del vostro aiuto. Ha bisogno cioè che ogni vostra eventuale, ulteriore protesta si manifesti altrimenti, con modi consentiti dalle norme vigenti e comunque tali da non far del male alla società e a voi stessi. Il Milan/L’Inter confida nella vostra collaborazione».

Una mano ai tifosi Il comunicato congiunto, una rarità nella storia ultracentenaria delle società milanesi, dà forza al messaggio che i vertici di Milan e Inter hanno indirizzato sia ai tifosi sia agli organi che governano il calcio”.

Ci si attende una risposta positiva da parte delle tifoserie organizzate di Inter e Milan.

“È quindi lecito attendersi una risposta intelligente sia dalla Nord interista stasera con il Verona, sia dalla Sud milanista nella trasferta di Parma di domani sia, soprattutto, in Milan-Lazio di mercoledì prossimo. La protesta, in qualche modo, continuerà e si farà sentire. Ma «quel coro» sarà quasi certamente cancellato dal repertorio. Il pericolo, semmai, è che qualche decina di imbecilli (o provocatori) si sottragga coscientemente all’invito delle società di Milano, ma in questo caso la norma riveduta e corretta (ora i cori devono essere ben percepiti) cancellerebbe eventuali sanzioni per Milan e Inter”.

Nel comunicato si parla anche di razzismo.

“Sentirsi accusare d’esser razzisti», in effetti, è uno dei punti che non può non scuotere le coscienze dei ragazzi delle curve di Milano che, da anni, hanno intrapreso un percorso di depoliticizzazione. Non a caso, qualche giorno fa, hanno rispedito al mittente una eventuale «nomination» all’Ambrogino d’Oro da parte di un consigliere della Lega Nord con una risposta secca: «Sono solo a caccia di voti». A proposito, resta clamorosa la presa di posizione alle ultime comunali con una dichiarazione di voto espressa con tanto di striscioni contro Maroni, l’inventore della tessera del tifoso. La norma sulla discriminazione territoriale, oltre ad aver compattato gli ultras di tutta Italia nella protesta (con gli ormai famosi cori contro se stessi dei napoletani) ha inoltre fatto tornare d’attualità l’annoso tema dei rapporti tra società e ultras”

Ci sarà una tregua tra ultras e società di calcio.

“ tregua degli ultras cancellerebbe definitivamente la tesi di chi vorrebbe vedere, dietro questo muro contro muro tra tifosi e istituzioni calcistiche, una sorta di minaccia alle società per avere in cambio soldi e biglietti. Milan e Inter ieri ci hanno messo la faccia, hanno annunciato che «faranno quanto in loro potere per far modificare le norme che riguardano gli accessi agli stadi». Un invito che non può lasciare indifferente chi fa del calcio una propria ragione di vita. Cioè gli ultras.”

26 settembre 2013

Inter, comunicato della Curva Nord

E' UNA VERGOGNA!!!
Ancora una volta una mostruosa pretestuosità ci ha fatto rabbrividire...
Forse siamo ancora più sorpresi di fronte alle ennesime vagonate di fango che i vari benpensanti di turno ci hanno scaricato addosso in questi ultimi giorni...
Tutto questo dopo soli 6 mesi da quel "ridicolo derby", il primo con Balotelli avversario, dove venivamo additati come "coloro che sospenderanno il Derby per razzismo" ancora prima che si giocasse...
Razzismo... Ma per piacere...
Ancora questa brutta parola... Ancora questo termine usato come spada per sconfiggere chissà chi e chissà quale male...
E' stupefacente... Imbarazzante... Ridicolo... Fuorviante... Manipolante... Penoso...
Meglio non commentare...
Meglio non approfondire...
Per ora.......
Avremo modo di farlo sulla nostra Fanzine che distribuiremo fuori dallo stadio giovedi sera...

Mettiamo però subito in chiaro una cosa:

GIOVEDI’ LA NORD SARA’ PRESENTE AL MEAZZA!!!
Non possiamo ingiustamente entrare???
Ok canteremo da fuori... Andremo a vedere la partita in qualche bar adiacente, gireremo intorno allo stadio...
Visto che qui continuano ad INVENTARSI provvedimenti anticostituzionali, restrittivi e soprattutto PRETESTUOSI...
Beh... ORA BASTA........!!!!!!
LO FACCIAMO ANCHE NOI...

Sicuramente qualche corteo, riunione, camminata la faremo...
Sicuramente vogliamo che sia la solita aggregazione, la solita emozione, il solito tifo e la solita festa di quando in campo c'è l'FC INTER...
Questo non crediamo ce lo possa proprio vietare nessuno... (Vero PROFESSOR tosel??????)

TUTTI INSIEME...

Invitiamo già da oggi TUTTI i frequentatori del Secondo Anello Verde a presenziare allo stadio per dare una risposta a questi DITTATORI del Calcio che tutto possono senza alcun diritto e soprattutto a tutti i perbenisti che con gran ardore hanno cavalcato quest'onda mediatica impostata sul NIENTE...

PER NOI... PER LORO... PER L'INTER........... TUTTI ALLO STADIO.... TUTTI PRESENTI!!!

Nella giornata di domani, a seguito della riunione di questa sera, vi daremo notizie più precise di ogni iniziativa attraverso il nostro sito.

CN69

6 settembre 2013

Comunicato Gioventù Biancoblu Novara

Con questo comunicato il gruppo Gioventù Bianco Blu Novara comunica la propria autosospensione a tempo indeterminato da ogni attività del tifo organizzato. Pertanto la nostra pezza non sarà presente nelle partite casalinghe ed in trasferta, mancherà il nostro supporto vocale e non parteciperemo all’organizzazione di trasferte.
Siamo giunti a questa ,per noi triste, decisione in seguito alle numerose diffide che hanno colpito in modo drastico il nostro gruppo, per i fatti risalenti al derby dell’11 maggio scorso contro la Pro Vercelli.

Questo è un atto dovuto dopo un estate travagliata e densa di pensieri, c’è gente come noi ed altri che difende la sua città, i suoi colori, la sua fede ed i propri ideali anche a costo di perdere la propria libertà, c’è gente che dalle parole passa ai fatti, c’è gente che porta in alto il suo nome in tutta Italia, in ogni stadio, per ogni kilometro, oltre ogni risultato e categoria, c’è gente come noi!!!

Per ogni “battaglia” c’è sempre un prezzo da pagare, non tutti ci capirete, non tutti condivideranno il perché dei nostri gesti, Ultras o lo sei o non lo sei!

Non chiediamo compassione o comprensione ma solo rispetto per la nostra sofferta decisione. Nn esistono al momento i presupposti per poter occupare il nostro posto in curva nord e sostenere come abbiamo sempre fatto e dimostrato il nostro amato Novara.

Chi ci conosce sa quali sono sempre stati i nostri ideali e sa che non siamo mai stati un gruppo nato sulle ali dell’entusiasmo degli ultimi risultati della squadra, ma un gruppo nato dall’amicizia, da un forte senso di appartenenza alla propria città e dall’irrefrenabile passione per la nostra maglia.
Detto ciò ci teniamo a precisare che per qualsiasi attività che coinvolgeranno i tifosi azzurri all’esterno dello stadio parteciperemo ancora come gruppo in quanto tale e non come singoli!

A testa alta conteremo i giorni che ci dividono dal ritorno a “casa”……. A presto curva nord!

5 settembre 2013

'Vecchia Guardia Vasto', un nuovo sito internet per i tifosi

Spazio per gli ultras e per gli amanti della squadra del cuore

 

"Non è un sito di informazione, ma un open space dove si parla solo di Vastese Calcio 1902".

Così i promotori di un nuovo sito internet tutto dedicato alla squadra del cuore ed a disposizione dei tifosi biancorossi.

"Siamo un gruppo di amici/tifosi della Vastese Calcio 1902 - si legge nella presentazione in homepage -. La maggior parte di noi frequenta lo stadio Aragona di Vasto da quando la squadra della città aveva come denominazione Ac Vasto'82. Non abbiamo striscioni e non ne faremo: siamo gente di curva fin dai tempi della Histonia Front in curva Tobruk, passando dai Rangers e/o Aragonesi. I nostri migliori anni di curva sono stati quelli che hanno visto la Fc Pro Vasto calcare i campi di mezza Italia tra serie D e serie C2 o II Divisione Lega Pro. Noi tifosi Vecchia Guardia siamo ultrà della... Vecchia Guardia, appunto. Il nostro è uno 'status quo' vista la nostra età di over 35. Nonostante i ripetuti fallimenti della nostra Pro Vasto/Vastese, noi tifosi della Vecchia Guardia non abbiamo mollato... Essere ultras, esserlo nella mente.... abbiamo la maglia biancorossa cucita addosso! Questo sito ha il solo intento di dare libero sfogo ai tifosi della Vastese calcio, visto il clima di censura che regna nella città del Vasto. E' infatti attivo un guestbook  dove poter parlare, liberamente, della nostra squadra. Non siamo giornalisti e non abbiamo l'ardire di diventare un sito web di informazioni: qua si parla della Vasto Ultras, della nostra curva e della nostra Vastese. Oltre al guestbook, gli unici aggiornamenti che troverete riguarderanno News & Info su trasferte, biglietti, coreografie, materiale ultras della curva D'Avalos, su indicazione del gruppo Aragonesi Ultras Vasto 1999 e Teste QuadreBuon guestbook a tutti voi, allora...".

Il sito internet in questione è raggiungibile al seguente link

http://vecchiaguardiavasto.webnode.it/

26 agosto 2013

COMUNICATO GRADINATA NORD ALESSANDRIA

26 agosto 2013
In seguito ai fatti avvenuti sabato 24 agosto all'interno della sede dell'Alessandria Calcio 1912, l'intera Gradinata Nord e tutti i gruppi che ne fanno parte, si dissociano da tale deprecabile gesto. Il soggetto in questione, come erroneamente comunicato da alcuni organi di informazione sia locale che nazionale, non partecipa più attivamente da parecchi anni alla "vita di curva", e ciò che è successo non deve essere in alcun modo accostato al nome ULTRAS GRIGI. Si è trattato solo ed esclusivamente di un'iniziativa prettamente personale che nulla ha a che fare con chi frequenta la GRADINATA NORD. Nel dissociarsi da tale azione, esprimiamo la nostra solidarietà alla società Alessandria Calcio 1912.

GRADINATA NORD ALESSANDRIA.

22 aprile 2013

Curva Siberiano

 

Quello che è successo ieri a SALERNO, quello che è successo nella CURVA SIBERIANO dello stadio Arechi ha il carattere dell’unicità!

Ardua, direi impossibile l’impresa di trovare parole giuste che possano descrivere in maniera esaustiva ciò che noi tutti abbiamo visto,ciò che abbiamo vissuto!

Però le parole a volte vengono da sole, non c’è bisogno di cercarle, e così è, a volte le cose vanno così e ci si può provare.

Emozionante, meravigliosa, splendida, magnifica, bellissima, divina, deliziosa, eccellente, esemplare, egregia, grande, magistrale, incantevole,  impagabile, eccelsa, suprema, sublime, eccezionale, formidabile, incredibile, strbiliante….inenarrabile e leggendaria!

Parole, parole, bellissime paroleche solo chi ha vissuto può capire!

Chi di noi ieri non si è sentito fiero e orgoglioso di essere SALERNITANO,a chi non si sono inumditi gli occhi nel vedere tanti eccellenti ragazzi proporre una coreografia da far accaponar la pelle?

Salerno e la sua meravigliosa provincia ieri erano un tutt’uno, cuore unico e pulsante.

Il SIBERIANO,ci guardava dall’alto, quasi a controllare, come faceva un tempo,  che la coreografia si “srotolasse” così come doveva e i quattro angeli granata ad applaudire da sotto!

Ciò che tanto non può,tanto fa l’esser SALERNITANO, nessuna traguardo è precluso ad una tifoseria come questa.

Oggi l’italia intera parla di noi, e noi siamo tutti orgogliosi di essere figli di questa città!

Ieri SALERNO c’era, e noi tutti cantavamo per la nostra maglia, la promozione era già cosa fatta,  il nostro AMORE è cosa fatta da sempre, ma come in ogni bel rapporto bisogna sempre corteggiare la donna amata, anche quando è già tua, sopratutto quando è già tua!

Si narrerà di questa splendida curva, ringrazieremo sempre coloro i quali senza chieder nulla a nessuno, hanno realizzato quest’opera d’arte, perchè di opera d’arte si tratta, e anche nei momenti di felicità SALERNO non dimentica chi non c’è più, non dimentica chi ha amato quanto noi la SALERNITANA!

La squadra GRANATA unisce i nostri cuori, si può cambiar partito, si cambia la macchina, si potràanche cambiar moglie o marito, ma l’amore e la fede per SALERNITANA MAIIIII!!!!

Godiamoci la promozione e festeggiamo tutti insieme, sognamo tutti insieme, perchè  oramai sappiamo che  : IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE!

 

Amatino Massimo Grisi (salernoclub2010.it)

29 marzo 2013

Genoa: comunicato dei Gruppi Ultras della Nord

LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI
I Gruppi Ultras della Gradinata Nord del Genoa, comunicano che Sabato 30 Marzo 2013 alle ore 13 presso il Bar Fuorigioco, in via Bobbio 106 rosso, si terrà un dibattito aperto sulla vicenda di Paolo Scaroni, il tifoso del Brescia massacrato dalla Polizia nella stazione di Verona nel 2005 che ha trascorso 64 giorni in rianimazione.
Paolo Scaroni oggi ha 34 anni e il 100 per cento d'invalidità civile.
Saranno presenti gli Ultras del Brescia con lo stesso Paolo, che racconterà la sua triste storia.
Al termine dell'incontro i gruppi della Nord si muoveranno in corteo (ore 14.15) verso la gradinata, pronti a sostenere il Grifone in questa ennesima battaglia!
Paolo sarà ospite della Nord durante la partita per dimostrare a tutti che essere ultras va oltre ogni rivalità.

Via Armenia 5r

25 gennaio 2013

Comunicato Ultras Benevento

Un divieto assurdo. Un deficit strutturale inventato per l'occasione. Un tabellone elettronico "pericolante" per i soli tifosi sanniti. Il solito burattinaggio delle istituzioni. Noi non ci siamo e pertanto
PROTESTIAMO

Strana scelta quella della società e del popolo avellinese di utilizzare questi LURIDI mezzi per cercare di assicurarsi il risultato ancor prima del fischio d'inizio.
A parti invertite, noi, avremmo protestato. Questione di dignità.