8 marzo 2009

Cagliari, ultrà muore in carcere , ieri sera assalto degli Sconvolts

Tensione ieri sera davanti al carcere di Buoncammino. Una cinquantina di Sconvolts si sono ritrovati sotto le mura del penitenziario ed hanno inscenato una manifestazione per ricordare un loro amico, Giancarlo Monni, morto la settimana scorsa nel reparto infettivi dell'ospedale Santissima Trinità

Una riunione non autorizzata che ha allarmato le forze dell'ordine: in viale Buoncammino si sono riversate alcune volanti, gli agenti della Digos e della scientifica che hanno vigilato. “Giancarlo vive” . I tifosi rossoblù hanno fatto sentire la loro voce urlando e ripetendo cori per il loro compagno e amico. Ci sarebbe stato anche qualche coretto contro gli agenti della polizia penitenziaria. Poi gli Sconvolts hanno imbrattato con la vernice le auto di alcuni agenti e di operatori religiosi e pasticciato il muro del carcere con alcune scritte, una di queste contro i poliziotti definiti secondini. Poi il gruppetto si è allontanato senza creare alcun problema. Nessuno è stato fermato o identificato e, a parte qualche momento di apprensione, non è accaduto nulla.
Dura la reazione dei sindacati della Polizia penitenziaria. ''Il dolore per la morte di un amico non può mai trasformarsi in rabbiosa ondata di violenza nei confronti di chi con grande sacrificio tenta di garantire sicurezza e umanità nel carcere di Buoncamino'', ha scritto in una nota Sandro Dessi, segretario territoriale della Cgil Funzione pubblica. ''Stigmatizziamo gli episodi accaduti che consideriamo incivili, esprimiamo la nostra solidarietà alle vittime e invitiamo l'Amministrazione penitenziaria a farsi carico dei danni subiti dagli operatori''.


materialeultras.forumfree.net