3 dicembre 2007

Ternana: Ultras per protesta restano fuori dallo stadio

In occasione della gara di domani tra Ternana e Pro Patria gli Ultras resteranno fuori dal Liberati per protesta, entreranno in Curva Est solo per la durata del minuto di silenzio per l'improvvisa scomparsa di Riccardino, tifoso della Curva e Silvano storico tifoso di Radio Noce. Questo il testo del comunicato:

"Domenica scorsa ci avete fermato voi, questa domenica ci “fermiamo” noi. Ci fermiamo per protestare contro il baraccone del calcio che per biechi interessi economici e per squallidi motivi politici deve per forza dicose continuare. Protestiamo contro uno stato che ritiene più grave un vetro ed un cancello rotti ( Bergamo e Taranto ) che un omicidio volontario ai danni di un ragazzo di ventotto anni. La loro “giustizia” ha decretato per iprimi decine di arresti, nemmeno un minuto di galera e un‘assordante silenzio per i secondi. Protestiamo contro gli pseudo-ultras che hanno trasformato le curve in supermercati e hanno calpestato tutti i valori che ci hanno sempre contraddistinto portando avanti la politica dei facili guadagni, dei coltelli, delle asce, e dei vandalismi gratuiti. Protestiamo contro i mercanti del calcio come Longarini e i dirigenti arroganti ed incapaci come Pesce e Montemari che calpestando ed infangando la passione di intere città portano avanti gestioni che con ilnostro calcio non hanno nulla a che vedere.
NOI DI TUTTO QUESTO NON SAREMO MAI COMPLICI ed è per questo che anche domenica per la partita in casa contro la Propatria resteremo fuori
dallo stadio. Una forma di protesta che avrò un seguito con altre iniziative.
CONTINUEREMO A LOTTARE, A STARE INSIEME E AD AVERE LIBERI PENSIERI.
QUANDO ANDARE ALLO STADIO LO DECIDEREMO NOI !
CONTRO IL CALCIO DEI PADRONI !"


ULTRAS 07