11 dicembre 2007

Comunicato Curva Nord Taranto

CURVA NORD TARANTO
La Curva Nord Taranto torna a far sentire la propria voce in concomitanza della riapertura dello stadio in quanto la nostra mentalità ci porta a parlare unicamente agli ultras della Nord nel contesto che più ci appartiene: ovvero quello dello Iacovone.
Al tal proposito, ci teniamo a sottolineare che la Curva Nord si asterrà da qualsiasi forma di organizzazione del tifo per solidarietà ai ragazzi arrestati. Questa protesta si protrarrà fino a quando i nove ragazzi non torneranno liberi; libertà che a loro non è stata ingiustamente concessa mentre al poliziotto che ha ucciso Gabriele Sandri si.
Questa disparità, pertanto, ci impone di chiedere ancora una volta giustizia e chiarezza, sia per il povero ragazzo assassinato che per i nostri ultras ancora in carcere.
Come del resto non vediamo di buon proposito l’accanimento del comune e della Taranto Sport, i quali si sono costituiti parte civile nei confronti dei nove ragazzi, ai quali hanno chiesto cifre assurde.
La Curva Nord per tanti anni ha rappresentato un punto di riferimento per l’aggregazione giovanile in città, oltre ad essere protagonista della storia calcistica del Taranto.
E’ paradossale, tuttavia, come le tante persone che nei momenti positivi ci hanno lodato, salendo sul carro del vincitore, ora ci abbiano voltato le spalle, dandoci addosso senza aver cercato minimamente di capire quali siano state le ragioni del nostro comportamento.
Per noi, infatti, il campionato andava sospeso così come è successo per i fatti di Catania, vicenda che, tra l’altro, ancora oggi non ha dei contorni ben definiti.
Infine, ci teniamo a sottolineare che continueremo ad essere vicini ai colori rossoblù, non abbandonando la squadra ma non rispecchiandoci nella società presieduta dal signor Blasi, il quale non perde tempo per gettarci fango in continuazione e in maniera ingiusta.
Difatti, nonostante egli non faccia altro che ripetere di tutelare gli abbonati, dimentica che oltre l’80% degli aderenti ai gruppi ultras è regolarmente abbonato, mentre alcuni personaggi continuano ad assistere alle partite anche quando sono a porte chiuse, a dispetto dei restanti 3500 che hanno sottoscritto l’abbonamento.