22 marzo 2020

La solidarietà degli ultras italiani di fronte al Coronavirus

 TRADUZIONE IN ITALIANO :

Italia sta attraversando un periodo di crisi senza precedenti. Mentre la sua popolazione è stato superato completamente dal 10 marzo, il suo bilancio delle vittime ha superato quello della Cina. Le strutture ospedaliere sono saturates, ma il Paese ha fiducia nel proprio personale infermieristico, come dimostra i messaggi sui balconi delle case o gli striscioni di gratitudine intorno agli ospedali, su iniziativa dei gruppi ultras.

Molti di loro hanno deciso di andare oltre la retorica e dimostrare la loro disponibilità ad aiutare con azioni concrete. Come agire quando è impossibile stare insieme? I gruppi della penisola hanno un vero senso di mobilitazione e hanno canali di comunicazione efficaci, in particolare attraverso i social network. È così che hanno rapidamente fatto capire ai loro membri e sostenitori la necessità di rimanere confinati. Inoltre, mutuo soccorso, donazione e solidarietà sono elementi fondamentali del movimento ultras.

Già, il 24 novembre 1985, le Brigate Rossonere e la Fossa dei Leoni del Milan, avevano stanziato a suo tempo cinquanta milioni di lire alla Lega Italiana per la lotta ai tumori. I due gruppi ultras contavano allora quasi diecimila iscritti e avevano deciso di cedere gran parte del loro fondo a questa associazione. Da allora, gli esempi sono stati numerosi e hanno confermato che l'impegno fa parte della loro filosofia, sia durante la guerra in Bosnia Erzegovina nei primi anni '90, durante il devastante Tsunami in Asia nel 2004, sia durante il terremoto. Aquila nel 2009 che ha visto una mobilitazione senza precedenti di gruppi italiani.      

È logico quindi che gli ultras reagiscano in questo momento. L'epidemia di Coronavirus ha colpito duramente la Lombardia, e più in particolare la provincia di Bergamo, che è la più colpita . Questa crisi sanitaria arriva mentre il club bergamasco sta disputando una stagione eccezionale. L' Atalanta , infatti, ha raggiunto la vetta sportiva più alta della sua storia , giocando per la prima volta nella fase a eliminazione diretta della Champions League. La seconda tappa, che si è svolta il 10 marzo, si è svolta in un locale vuoto. Nessuna Atalanta tifoso ha fatto la trasferta in Spagna perché ha prevalso il senso di responsabilità, nonostante la posta in gioco sportiva. Tutto era previsto, però, milleduecento tifosi si erano già organizzati sotto l'egida di     Tifosi Atalanta  - che riunisce gli ultras della Curva Nord - e l' Associazione Tifosi Atalantini per andare a Valencia. Ogni tifoso dell'Atalanta aveva speso cinquanta euro per avere il biglietto della partita.   

La progressione della pandemia ha costretto la UEFA a imporre una porta chiusa, annullando di fatto il viaggio e aprendo la strada al rimborso dei biglietti. Gli ultras della Curva Nord hanno poi colto l'occasione per celebrare l'occasione, come spiega Daniel, uno dei dirigenti degli ultras: "  l'idea ci è venuta quando ci siamo organizzati per farci rimborsare i biglietti dello stadio. . Eravamo già confinati a casa nostra, e parlando tra di noi, abbiamo suggerito alle persone che avevano prenotato i biglietti per lo stadio tramite noi, di devolvere questa somma all'ospedale di Bergamo  ”. Insegue: "   Dopo aver presentato l'idea c'è stato il pieno sostegno dei sostenitori. Non appena abbiamo ricevuto i soldi abbiamo fatto questo trasferimento di quarantamila euro all'ospedale locale  ”. A questa somma bisogna aggiungere altri ventimila euro, tramite l' Associazione Tifosi Atalantini , che ha deciso di imitare gli ultras e fare altrettanto. Si tratta quindi di un'iniziativa che è stata ripresa da tutti i tifosi dell'Atalanta e che è dedicata a un reparto specifico dell'Ospedale Papa Giovanni di Bergamo che si occupa dell'emergenza legata al Coronavirus  " come ha chiarito Daniel.

"La  gente ci conosce, undici anni fa, quando il terremoto distrusse L'Aquila, siamo andati lì e li abbiamo aiutati economicamente, ma reed umanamente  ". Secondo lui “ i tifosi bergamaschi hanno reagito così, perched sanno che a nostra volta at a dovere fare del bene. Perché quando hai l'opportunità di riunire così zia persona, ci vuole poco per fare molto. È una responsabilità che accettiamo volentieri ”. Insegue: "   la situazione qui è terribile, abbiamo ricevuto messaggi, gesti di solidarietà da tanti ultras, a volte anche rivali, che ci hanno chiesto come aiutarci. Questo dimostra la profondità dei valori del mondo ultras, quando questo tipo di situazione tutto passa in secondo piano  ”.

In provincia però la situazione resta drammatica, “in questo  momento siamo tutti chiusi in casa. La situazione è estremamente delicata, ci vorranno settimane per migliorare. Bisogna avere pazienza, avere fiducia, rispettare le regole per evitare che il contagio aumenti. In alcuni villaggi abbiamo avuto più morti in dieci giorni che in un anno  ”. Mentre parlo al telefono con Daniel, si sente la sirena di un'ambulanza. Conclude la nostra conversazione: “Gli unici rumori che sentiamo in questo momento sono queste sirene e il suono della campana che annunciano i morti. Ma siamo forti e non ci arrendiamo  ”. 

Una cinquantina di chilometri più a ovest si trova la provincia di Como. Seppur meno colpita rispetto alla città di Bergamo, anche la città situata sul famoso lago è messa a dura prova dal Coronavirus. Gli ultras della squadra locale, che evolve in serie C, hanno organizzato un'iniziativa originale. Come spiega Federico, uno dei responsabili della Curva Como 1907 : “  vista l'attuale emergenza sanitaria, con l'ospedale Sant'Anna di Como, in prima linea dall'inizio dell'epidemia, sembrava importante per noi aiutare in modo concreto, coinvolgendo tutti i tifosi della nostra squadra. Soprattutto abbiamo accolto con grande piacere l'iniziativa del club di dare l'intero rimborso degli abbonamenti all'ospedale  ”. Infatti, i leader del   Il Como Calcio  ha deciso che i tifosi che non ha deciso di rimborsare il loro impegno per giocate a struttura ospedaliera pur raddoppiandolo , impegnandosi a donare almeno la somma di centomila euro. 

Gli ultras locali non hanno contato solo su questa iniziativa perché “  in questi anni abbiamo sempre cercato di aiutare, secondo i nostri mezzi, sia con l'ABIO di Como  (associazione che aiuta i bambini ricoverati) raccogliendo centinaia di peluche, sia sostenendo l'ADMO  (Associazione Donatori di Midollo Osseo) . Abbiamo deciso di approfittare del derby contro il Lecco, in un momento cruciale nel dilagare dell'epidemia  ”. Il 15 marzo doveva giocare la partita più attesa della stagione. Questo fu rinviato, il che non impedì agli ultras della Curva Como 1907  di organizzare la trasferta a Lecco.   

Ci è sembrato originale piuttosto che chiedere ai tifosi di fare una donazione all'ospedale per legare questo gesto di solidarietà a questo incontro fondamentale che vedrebbe trasferirsi un gran numero di tifosi comaschi  ". Così, sui social, come per ogni viaggio, gli ultras distribuiscono un volantino in cui chiedono ai tifosi di mobilitarsi per il derby pagando venti euro. Ma questa somma, invece di essere utilizzata per pagare il treno per andare a Lecco, la Curva Como 1907invitò i tifosi a trasferirla sul conto dell'ospedale ".   

Anche nel sud della Lombardia, nella regione al confine con l'Emilia-Romagna, la situazione è complicata, rendendo la zona il secondo focolaio del virus. A Reggio Emilia, la cui squadra è in serie C, si sono mobilitati gli ultras locali, come mi ha spiegato uno dei responsabili delle Teste Quadre. Mi vorrebbe dire nel preambolo: “ Siamo un gruppo ultras e ne siamo orgogliosi. Non siamo nuovi a questo tipo di iniziative. Al contrario, di fronte alle calamità naturali, ci siamo sempre organizzati per aiutare concretamente le vittime portando beni di prima necessità, raccogliendo denaro  ”. Insegue: "    di fronte alla gravità della situazione, ci siamo organizzati spontaneamente con il Gruppo Vandelli. Unendo le forze potremmo ottenere un risultato maggiore”.

L'11 marzo i due gruppi hanno lanciato l'iniziativa mettendo ciascuno tremila euro dal proprio fondo, poi hanno fissato una scadenza di una settimana. "  Abbiamo ottenuto 41.994 euro, abbiamo deciso di devolvere l'intera somma al reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia  perché tutto il personale sanitario fa immensi sacrifici per la comunità ". Per questo responsabile delle Teste Quadre  :    “È una grande soddisfazione perché i tifosi della Reggiana hanno risposto molto bene alle nostre richieste. Hanno apprezzato l'iniziativa, inviandoci messaggi di conferma della loro fiducia in noi. Cosa non scontata al momento, con la repressione che c'è contro gli ultras in Italia. La gente ci conosce per quello che siamo veramente e ha risposto con i fatti. Ci sono state donazioni significative, sia da imprese che da privati. Ognuno ha fatto secondo i propri mezzi e le proprie scelte, ma con il cuore ed è quello che volevamo e l'abbiamo ottenuto  ”.

A Bologna, nel capoluogo di regione, non c'è solo un'importante squadra di calcio che ha vinto sette scudetti, ma anche la Fortitudo e la Virtus che si evolvono in Lega Basket Serie A e che fanno sì che la città sia indicata anche come " città-cesto”. La rivalità tra gli ultras delle due squadre di basket è accanita e il derby segna un momento clou della stagione. Ma la crisi sanitaria legata al coronavirus ha interrotto anche il campionato di basket. Ciò non ha impedito alla Fossa dei Leoni di prendere un'iniziativa, come rivela Frollo, uno dei leader di questo gruppo ultras che sostiene la Fortitudo. "   L'idea ci è venuta in un momento in cui eravamo ancora in contatto, vedendo peggiorare la situazione in Italia e cercando di sensibilizzare le persone che combattono il coronavirus. Abbiamo avuto un incontro importante ad aprile, con il girone di ritorno del derby e avevamo già iniziato a lavorare sulla scenografia. Avevamo un budget per finanziarlo e abbiamo deciso di utilizzare i fondi per questo spettacolo come donazione all'ospedale Sant'Orsola”.

Come gli altri gruppi ultras che si stanno mobilitando, la Fossa dei Leoni non ha voluto intermediari e ha fatto questa scelta con cognizione di causa. “Questo ospedale ha un centro di terapia intensiva e sappiamo all'interno di questa struttura attraverso il gruppo se si tratta di un medico e di infermieri. È stato utile conoscere qualcuno all'interno della struttura  ”. Frollo vorrebbe dirmi: "    l'obiettivo della nostra iniziazione non era quello di proporci, ma piuttosto di fare un gesto che potesse incoraggiare altre persone a donare. Abbiamo qualche seguito, stiamo guidando una svolta che conta 1.500 persone e abbiamo grande rispetto anche in Bologna. Questo gesto potrebbe osare idee ad altre persone. Questa somma non è grande, ma rappresenta comunque qualcosa. I bergamaschi hanno dato molto di più. L'ospedale ci ha ringraziato per questo gesto, ma obiettivo non era quello di farsi pubblicità .

l'Emilia-Romagna sia meno presenta sui media esteri, la situazione non è meno grave. Secondo Frollo “come gruppo stiamo vivendo questo periodo con angoscia. Questa è una situazione che non possiamo e possiamo semplicemente sederci e aiutare di capire le richieste degli operatori sanitari che sono in prima linea. La situazione non è buona, abbiamo anche la nostra “  Codogno  ” (the prima città colpita dal Coronavirus in Italia e che è stata messa in quarantena) , dal 16 marzo con Medicina. Si trova alle porte di Bologna ed è nella zona rossa dalla quale nessuno può entrare o uscire. Abbiamo anche diverse persone del nostro gruppo che vengono   di questa città, quindi potete immaginare il nostro stato animo. Proviamo a tirarli su di morale chiamandoli, sappiamo benissimo che non è facile perché minacciata è alta. Quindi lo viviamo giorno per giorno. Inoltre, alcuni sono infermieri del gruppo e sono anche loro a rischio  ”. Infine, per Frollo: “  l'iniziazione che abbiamo rilasciato è la prima, ma se c'è bisogno di aiutare ancora, come gruppo lo faremo ancora  ”. È così che, in una situazione di crisi senza precedenti, gli ultras si rivelano ancora e sempre pronti a stare in prima linea, per la parte più importante dell'Italia gioca da diversi decennio.

fonte: lemonde.fr