15 aprile 2010

Comunicato Ufficiale -ALESSANDRIA- del 15/04/2010

I gruppi organizzati della Gradinata Nord vogliono esprimere profondo disappunto per il circo mediatico scatenatosi attorno all'Alessandria calcio da due mesi a questa parte, che a tutt'oggi ha prodotto soltanto chiacchiere da bar e illazioni di qualunque tipo, a discapito della squadra.Crediamo che da più parti si sia esagerato nel dare per scontata una trattativa che di fatto è ancora oggi ben lontana dal decollare, con le conseguenze più negative per giocatori, dipendenti della società e tifosi.
Proprio chi scende in campo, infatti, avrebbe il diritto di pensare al proprio mestiere serenamente, concentrandosi settimanalmente soltanto su allenamenti e partite, anzichè aspettare sacrosanti stipendi che non arrivano o millantatori che li garantirebbero in virtù di chissà quali patrimoni e investimenti.In questa situazione confusa e destabilizzante vogliamo ringraziare i giocatori e il mister per i risultati ottenuti sul campo: crediamo che senza questo fantastico gruppo la posizione di classifica sarebbe stata ben diversa da quella attuale e la recente storia, in situazioni ambientali analoghe, ce lo ha insegnato.
In troppi hanno sbagliato, parlando a sproposito e cercando di influenzare la tifoseria, che volutamente non si è schierata sia per correttezza nei confronti di chi scende in campo che per evitare di essere strumentalizzata.
Siamo grati al presidente Bianchi per questi tre anni fantastici, che nessuno potrà dimenticare, ma sappiamo che la situazione economica è grave e nessuno vuole rivivere il recente disastroso passato, quindi crediamo sia doveroso fare il possibile solo per il bene dell'Alessandria.
Vorremmo anche sapere se i possibili acquirenti esistono ancora, chi sono, magari sentire cosa hanno da dire ai tifosi, perchè no, in un incontro pubblico alla presenza del comune e del presidente, ma sappiamo che tale desiderio resterà un'utopia.Lo scopo di questo comunicato non è destabilizzare ulteriormente l'ambiente ma semplicemente chiedere più chiarezza a tutti i protagonisti coinvolti in questa vicenda.Ci aspettiamo da comune, società, stampa ed emittenti locali più trasparenza nel rispetto della squadra, di noi tifosi, della città ma soprattutto dell'U.S. Alessandria Calcio 1912 patrimonio comune che vediamo a rischio per la seconda volta nella sua gloriosa storia.



ForzaGrigi.It