5 aprile 2007

MANIFESTAZIONE IN ANCONA 28 APRILE 2007

MANIFESTAZIONE 28/04/2007 - ANCONA - "Tifoserie antirazziste & apolitiche le benvenute..."
11/04/2007 - di Cani Sciolti;
In seguito a quanto specificato e approfondito nel comunicato già pubblicato realtivo alla MANIFESTAZIONE CHE SI TERRA' il 28 Aprile 2007 in Ancona, il gruppo Cani Sciolti, chiarisce che la propria partecipazione e collaborazione per la realizzazione della manifestazione stessa è solamente a riguardo e a difesa del mondo ULTRAS. Senza voler impedire ad altre realtà presenti di farlo, come gruppo non ci interessiamo ad altre tematiche al di fuori del mondo ultras stesso.

Scenderemo in piazza dunque per manifestare e pretendere quei leggitimi diritti di cui in quanto liberi cittadini dobbiamo godere, soprattutto in seguito al nuovo decreto-Amato andato in vigore dal 30 Marzo 2007. Decreto liberticida per il quale non sarà più possibile portare striscioni, bandiere, megafoni e tamburi senza che si chieda il permesso alle autorità competenti; siccome "chiedere permessi" non fa parte del nostro modo di essere, noi non faremo mai un passo indietro e non chiederemo mai permessi a nessuno per tenere alti i nostri valori, prinicipi ultras, per avere diritto alla libertà.
Con questo comunicato cogliamo l'occasione per invitare alla MANIFESTAZIONE DEL 20 APRILE AD ANCONA anche tutte quelle TIFOSERIE APOLITCHE che condividono i nostri stessi ideali, perchè LA LIBERTA' DI ESPRESSIONE E' UN DIRITTTO DI TUTTI ED IL NOSTRO MODO DI ESSERE NON CONOSCE PERMESSI.

Cani Sciolti Ancona -Vincenzo Presente-

QUESTO COMUNICATO, DI ACCORDO CON GLI ULTRAS ANCONA, PER RIBADIRE CHE ALLA MANIFESTAZIONE OLTRE A TIFOSERIE ANTI-RAZZISTE, SONO BENVENUTE ANCHE QUELLE TIFOSERIE PRETTAMENTE ULTRAS, APOLITICHE.

DI SEGUITO IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA MANIFESTAZIONE CHE VI INVITIAMO A LEGGERE ATTENTAMENTE:


IMPORTANTE alla manifestazione sono invitate: -Tifoserie Antirazziste
-Tifoserie Apolitiche
-Qualsiasi altra realtà che ha nel proprio dna qualsiasi forma di lotta per la libertà


NON DOBBIAMO CHIEDERE IL PERMESSO A NESSUNO PER ESSERE LIBERI

COSTITUZIONE ITALIANA - Art.21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Gli Stadi sono da sempre stati una “palestra” dove sperimentare tecniche di repressione e leggi speciali, prima per gli ultras e che poi vengono estese al resto della cittadinanza.
Recentemente il governo ha tramutato in legge il decreto Amato contro la violenza negli stadi, decreto votato alla quasi totale unanimità delle forze politiche di maggioranza ed opposizione, ad esclusione della Lega Nord, che non lo ha votato solamente perchè loro lo vorrebbero già
estendere all’intera nostra società, nella vita di tutti i giorni e non solo applicarlo allo stadio.
Ecco perchè parliamo di stadi come “palestra” di nuove repressioni, questo è solo l'ultimo esempio.
Questo decreto è stato votato e tramutato in legge, anche se è stato dichiarato ANTI-COSTITUZIONALE in più punti.

NOI ULTRAS DI ANCONA CI SCHIERIAMO CONTRO.
CONTRO CHI VUOLE TOGLIERCI QUELLA LIBERTA’ DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL NOSTRO PENSIERO, LA PAROLA, LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE NON SOLO NEGLI STADI, MA NELLA SOCIETA’ DI OGGI SEMPRE PIU’ REPRESSA A 360° GRADI.

Ciò non toglie che da noi stessi parte un’autocritica verso il mondo ultras stesso, non ci piace parlare di ultras “buoni” e ultras “cattivi”, ma certamente sappiamo che la nostra, al contrario di molte altre purtroppo, è una realtà ultras sana, vera, passionale dove non trovano spazio razzismo, xenofobia, fascismo, affarismo, finti ribelli e ultras di professione, che si sono venduti al calcio moderno, a fronte del loro personale businness. Noi crediamo nell’aggregazione, nell’impegno sociale, nell’anti-razzismo e
sappiamo che i nostri striscioni, i nostri cori, le nostre bandiere, i nostri colori non hanno mai ucciso nessuno.
PERCIO’ NON VOGLIAMO CHIEDERE IL PERMESSO A NESSUNO PER AVERE IL DIRITTO COSTITUZIONALE DI ESPRIMERCI E PROFESSARE I NOSTRI IDEALI.

Per i sopracitati motivi la manifestazione indetta per il 28 APRILE 2007 non sarà una parata di ultras nostalgici in difesa di un mondo ultras che nella sua complessità e totalità non è interamente difendibile, ma sarà una manifestazione indetta da ultras in difesa della libertà di espressione, sotto tutte le sue forme.
E’ per questo motivo che l’appello alla partecipazione è diretto a tutte quelle tifoserie che si riconosco in tutti quei valori di cui abbiamo parlato, a tutte quelle tifoserie che hanno i nostri stessi ideali.
Questo senza chiuderci in noi stessi, ma aprendo l’invito a quelle associazioni, a quei movimenti,
a quelle singole persone che per vari motivi si sono trovati, come noi, privati della libertà di muoversi, abitare, lavorare studiare, esprimersi.

INVITIAMO TUTTI/E COLORO CHE SI RICONOSCONO IN QUESTO COMUNICATO A PARTECIPARE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 28 APRILE 2007.
Il concentramente è fissato dalle ore 15:30 presso la Fiera della Pesca, nella zona portuale di Ancona (cosi’ di avere la possibilità di lasciare le proprie auto presso il maxi-parcheggio del quartiere Archi, nelle immediate vicinanze della Fiera della Pesca). Ci si arriva comodamente dall'uscita dell'A14 - Ancona Nord seguendo le indicazioni per il porto.
Una volta terminato il concentramento un corteo si snoderà lungo Via XXIX Settembre,
lungo Corso Stamira fino a Piazza Cavour. Da qui si percorrerà Corso Garibaldi fino a Piazza Roma,
dove si terrà il dibattito finale in cui ogni realtà, ogni singola persona è invitata a dire la propria opinione...

...PERCHE’ LA REPRESSIONE FA MALE A TUTTI.

> Per sottoscrivere questo appello,per informazioni,per confermare la vostra partecipazione, fornendo indicativamente anche il numero dei partecipanti potete inviare una
mail a: ultrasancona@email.it

> La manifestazione è organizzata dal gruppo ULTRAS ANCONA con la collaborazione dei CANI SCIOLTI ANCONA.
SEGNALIAMO INOLTRE:
-Sono ben accette bandiere, stendardi, sciarpe da parte delle tifoserie che hanno intenzione di partecipare, vogliamo evitare invece lo striscione del gruppo, a favore di uno striscione a tema, apposito per la manifestazione, cosi' da lanciare anche solo visivamente piu' messaggi possibili.
VIETATI SIMBOLI POLITICI E PARTITICI DI QUALSIASI TIPO.